Le macchie del viso antiestetiche colpiscono la salute e la bellezza naturale della nostra pelle, spesso rovinandola temporaneamente o segnandola in modo indelebile. Nei casi più seri conferiscono all’aspetto un’immagine rovinata, poco sana. Le cause sono molteplici: dall’invecchiamento cutaneo, all’esposizione solare che produrrebbe un’alterazione nel lavoro dei melanociti. Ovvero una sintesi a singhiozzo che favorirebbe una distribuzione errata della melanina, con relativa comparsa delle macchine e inestetismi.

Ma le cause che deteriorano la bellezza naturale del viso non si limitano al decadimento cutaneo ma, come anticipato, anche all’esposizione al sole o lampade solari senza la dovuta protezione, all’azione dello smog e dell’inquinamento sulla cute, quindi al tabacco. Non ultime una serie di patologie come il diabete di tipo 1, le disfunzioni ormonali o fisiche, l’assunzione di alcuni medicinali, l’applicazione di cosmetici intolleranti per la pelle, fino ai tumori cutanei.

Le tipologie di macchie della pelle

Questo tipo di inestetismi può interessare varie parti del corpo, ma il viso è la zona più colpita. Le dimensioni delle macchie possono variare, dal formato di una lentiggine fino a più di un centimetro. Le tipologie per identificarle sono di tue tipi: macchie scure e macchie chiare. Le prime, le macchie scure, sono spesso identificate come lentiggini, lentigo solari, lentigo senili (mani, decolletè e viso), efelidi e melasma (o maschera gravidica) che determina un’alterazione cromatica della cute in concomitanza della gravidanza e a causa dell’assunzione della pillola.

Per quanto riguarda le macchie chiare della pelle rientrano nel gruppo la vitiligine, la Pitiriasi Versicolor o tinea versicolor causata da un fungo, quindi una serie di chiazze bianche sempre causate da infezioni fungine. La zona colpita potrà estendersi anche sul resto del corpo, incidendo però sulla cute del viso. A parte l’inestetismo alcune macchie possono favorire prurito e irritazione, per combatterle meglio affrontare alcuni rimedi semplici ma naturali. Una soluzione importante per garantire benessere senza aggredire chimicamente la delicata epidermide del viso,

Schiarire le macchie con i rimedi naturali

Premesso che è importante agire sulla cute con prodotti cosmetici, creme e detergenti poco aggressivi, e che se le macchie sono legate alla gravidanza tendenzialmente spariranno dopo il parto, per rigenerare l’epidermide è bene attingere a fonti di tipo naturale. I classici rimedi della nonna, facili, sani, delicati ma efficaci. Una maschera al limone potrà aiutarvi, vi basterà mescolare 125 gr di yogurt naturale con il succo di due limoni. Applicate il composto sul viso e lasciate in posa per 30 minuti, quindi risciacquate con acqua tiepida. Ripetendo il tutto due volte al giorno, mattina e sera, potrete ottenere dei benefici.

Anche un impacco al miele potrebbe schiarire la cute e agire positivamente sui pori dilatati, basterà mescolare accuratamente due cucchiai di latte in polvere, due di succo di limone, due cucchiai di yogurt naturale e quattro di miele d’api. Lasciate il composto in posa sul vostro viso per 20 minuti, quindi ripulite con acqua tiepida. Invece camomilla e sono indicati per le macchie scure intorno agli occhi, immergete dei dischetti di cotone nel liquido tiepido e praticate degli impacchi dopo averli strizzati. Lasciate in posa il cotone sulla parte per almeno 15 minuti, rilassandovi al buio di una stanza silenziosa. Lo stesso tipo di benefico verrà garantito dalle foglie di Tè lessate in infusione e applicate sulla parte.

L’olio di mandorle, di oliva o di jojoba, da mescolare con il succo di limone, per massaggiare la pelle e rivitalizzare la micro-circolazione. Oppure il gel fresco di aloe vera da stendere direttamente sulle macchie per un risultato graduale, e ancora l’olio di ricino e di eucalipto da applicare insieme strofinandoli sulla pelle. I rimedi naturali sono molti, facili da realizzare e utili per rigenerare la cute. Un mix di latte e miele garantisce nutrimento ma al contempo schiarisce la cute, ma anche un’amalgama di farina d’avena, panna acida e yogurt sono utili per una crema da spalmare sul viso. Il massaggio dovrà durare circa 10 minuti, e i movimenti dovranno risultare circolari e morbidi. Si risciacqua con acqua tiepida come di consueto.

La tanto amata acqua rose riporta alla memoria la bellezza antica delle nonne che la utilizzavano per profumare la pelle, ma al contempo renderla tonica e schiarirla. Mescolata con Santalum paniculatum, o legno di Sandalo, potrebbe risultare vincente eliminando le macchie più scure. L’applicazione deve durare almeno 15 minuti, così da consentire al composto di agire. Sempre con l’acqua di rose è possibile creare un impasto rustico mescolando basilico, foglie di neem e un pizzico di curcuma. Basterà tritare il tutto e applicare sulla pelle per rinfrescarla e pulirla.

Le foglie di neem, come lo stesso olio, possiedono proprietà antibatteriche quindi sono utilissime per le macchie di origine fungina. Ma anche la curcuma mescolata e pestata con i semi di sesamo favorisce una pasta lenitiva, esattamente come il prezzemolo da tritate e lasciare in infusione con succo di carota, limone e succo d’arancia. L’applicazione sul viso potrà avvenire per sfregamento o tamponamento con cotone idrofilo.

Infine tre mini ricette in infusione: del rafano grattugiato da immergere nell’aceto, sfregando poi il succo ottenuto sulle macchie con parsimonia. Oppure del succo di menta dato dalle foglie macerate in acqua, o pestate, da applicare sulla pelle. Le soluzioni per schiarire la cute sono tantissime, dall’aglio da strofinare, al succo di tarassaco ricavato dal fusto del dente di leone, dall’acqua ossigenata da tamponare con delicatezza, all’infuso di malva e la pomata alla calendula. Lo stesso cetriolo rinfresca, basta grattugiarlo e unire la purea ottenuta con del succo di carota, quindi 30 ml di olio di germe di grano. Infine per prevenire le macchie smettete di fumare e aiutatevi con il cibo: diminuite gli zuccheri e assumete molta acqua, frutta e verdura, quindi alimenti ricchi di Vitamina E come la frutta secca, semi, cereali, olio di semi di girasole, peperoncino, curry e origano.

24 gennaio 2014
Fonte:
I vostri commenti
Anna maria, martedì 15 settembre 2015 alle1:28 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere perché in una parte del viso ci stanno gli ziccomi comfie e poi ci stanno delle verruche non so cosa fare ho un bel viso mi dispiace che mi si sta rovinando cosa devo fare ?mi date una risposta.grazie..Anna maria..

Gloria, lunedì 20 ottobre 2014 alle8:52 ha scritto: rispondi »

E' possibile conservare in frigo il preparato succo di limone + yogurt fino al suo esaurimento oppure c'è da prepararlo fresco tutti i giorni?

gingia, martedì 12 agosto 2014 alle20:01 ha scritto: rispondi »

Susanna hai provato personalmente il trattamento ruffini?

Nadia, giovedì 10 luglio 2014 alle23:37 ha scritto: rispondi »

Conosco il metodo ruffini ma non ho travato nulla a proposito di macchie scure della pelle. Tu come hai fatto?

susanna, mercoledì 11 giugno 2014 alle9:39 ha scritto: rispondi »

Provate con il metodo Ruffini è meraviglioso.

Lascia un commento