L’interno della Luna sarebbe ricco di acqua. Lo suggerisce un nuovo studio compiuto su dati satellitari. I ricercatori della Brown University di Providence hanno notato che numerosi depositi vulcanici distribuiti sulla superficie del nostro satellite naturale contengono delle quantità insolitamente elevate di acqua intrappolata.

Si ritiene che questi depositi antichi siano costituiti da particelle di vetro formate dall’esplosione di magma proveniente dalla parte più interna e profonda della Luna. Di conseguenza tutto ciò va a favore dell’ipotesi che il mantello lunare sia particolarmente ricco di risorse idriche.

=> Leggi perché la rotazione della Terra sta rallentando a causa della Luna

L’idea si è fatta avanti quando sono state ritrovate delle quantità di acqua in alcune particelle di vetro vulcaniche riportate sulla Terra dalle missioni Apollo 15 e 17. Nel 2011 altri studi hanno portato ad accertarsi che effettivamente all’interno delle formazioni cristalline ci siano delle quantità simili di acqua come quelle che è possibile trovare in altre formazioni geologiche sulla Terra.

Gli esperti hanno suggerito che bisognerebbe vedere se i campioni analizzati rappresentino le condizioni tipiche dell’interno lunare o se provengano da regioni insolite in cui la presenza di acqua sia soltanto un’anomalia. Gli scienziati sostengono che a giudicare dai dati riportati l’acqua non sia un’anomalia. Potrebbe essere quindi che il nucleo più interno della Luna sia proprio bagnato dall’acqua.

=> Guarda le foto NASA della Terra che sorge dietro la Luna

L’impresa non è del tutto semplice perché gli scienziati usano degli spettrometri per analizzare la luce riflessa dalla superficie lunare. I dati potrebbero essere influenzati dalle rilevazioni di calore. Per essere completamente sicuri che all’interno della Luna ci sia l’acqua bisognerebbe effettuare una correzione termica.

L’idea molto probabilmente suggerisce informazioni importanti anche sulla formazione del satellite naturale della Terra. Gli scienziati pensano che la Luna si sia formata da detriti lasciati dall’impatto di un oggetto spaziale dalle dimensioni dell’attuale Marte con la Terra.

In seguito a questa ipotesi hanno pensato che sembra improbabile che le molecole di idrogeno necessarie per formare l’acqua siano sopravvissute al caldo generato da quell’impatto. Adesso gli studi sembrano rivoluzionare questa teoria, facendo emergere l’ipotesi che l’acqua sia stata portata da elementi esterni prima che la Luna si fosse completamente solidificata.

25 luglio 2017
Immagini:
Lascia un commento