È una sorta di istituzione locale: il gatto rosso Louis, con le sue 17 primavere, è l’inquilino più amato della cattedrale della cittadina di Wells, nella regione del Somerset in Inghilterra. La Cathedral Green da molto tempo può contare sulla presenza costante e pacifica del micio che ama acciambellarsi nelle nicchie della navata, oppure sonnecchiare nella cesta posta nel negozio di souvenir del luogo di culto. È così popolare che è il protagonista indiscusso di alcuni libri per bambini: “Louis Cattedrale Cat”, con tanto di gadget a lui dedicati. Ma alcuni proprietari di cani della zona sostengono che l’animale possieda una doppia anima, che lo trasforma in una belva inferocita e aggressiva.

In molti giurano di aver ricevuto attacchi e aggressioni da parte del micione, fino a ora sono state tre le segnalazioni ricevute in merito a discapito di alcuni cani del quartiere. Eppure i sostenitori del felino sono certi ci sia stato uno scambio di identità: il placido gattone che ama lavarsi i baffi accanto ai fedeli non potrebbe risultare così attivo. C’è chi ha segnalato la presenza nella zona di altri due gatti dal manto rosso, forse scambiati erroneamente per Louis. Gli estimatori del felino, adottato 10 anni fa dal personale della cattedrale per liberarla dalla presenza dei topi, sono convinti sia impossibile per lui dimostrare aggressività.

La sua è una presenza pacifica e solitaria, mai esagerata, che ha catalizzato ulteriormente l’attenzione nei confronti della cattedrale. Nonostante le testimonianze lo descrivano come un rapido e feroce aggressore, c’è chi sostiene come questo comportamento strida apertamente con la sua indole affettuosa e tranquilla. Può contare anche sulla presenza di un video, dove viene raccontata la sua storia, quindi su un buon numero di estimatori che gli fanno visita con frequenza e che non l’hanno mai visto mostrare atteggiamenti nervosi e violenti. Di certo sarebbe una novità per un micio che dorme quasi tutto il giorno in una cesta posta sul bancone del negozio di souvenir.

20 marzo 2015
Fonte:
Lascia un commento