Lotta alla plastica: messa al bando a Lampedusa e dai negozi Lidl

Per proteggere il mare dall’inquinamento provocato dall’immensa quantità di contenitori, stoviglie monouso e altri prodotti non biodegradabili Lampedusa ha deciso di mettere al bando la plastica e anche la nota catena di supermercati Lidl ha comunicato l’intenzione di dire basta a questo materiale, entro fine 2019.

Per quanto concerne l’isola, l’ordinanza emessa dal sindaco Salvatore Martello stabilisce il divieto di vendita e utilizzo di stoviglie, bicchieri e posate monouso non biodegradabili che saranno bandite dal 31 agosto, così come gli shopper in plastica che dovranno essere obbligatoriamente sostituiti da sacchetti in carta, in tela o realizzati con un altro materiale non inquinante. Una piccola rivoluzione, come annunciato da Martello, ma necessaria a rispettare l’ambiente e a migliorare la qualità della vita, nonché a salvare lo splendido mare di Lampedusa:

Abbiamo deciso di adottare questo provvedimento per diversi motivi: ci sono disposizioni comunitarie in questa direzione, e soprattutto c’è la necessità di facilitare la raccolta differenziata e lo smaltimento dei rifiuti, e di limitare l’inquinamento da plastiche del nostro mare, che sta avendo pesanti ripercussioni anche sulla fauna marina e di conseguenza sulle attività legate alla pesca.

=> Leggi delle microplastiche in pesci e invertebrati del Tirreno, un allarme

Entro la fine del prossimo anno poi, in oltre 600 supermercati a marchio Lidl dislocati nel territorio italiano non ci saranno più bicchieri, piatti e posate di plastica monouso, che saranno sostituiti da prodotti realizzati con materiali alternativi o riciclabili. Ha spiegato l’amministratore delegato di Lidl Italia, Eduardo Tursi, che:

Rimuovere la plastica monouso ci consentirà di risparmiare circa 2 mila tonnellate di plastica all’anno, l’equivalente dei rifiuti plastici prodotti in un anno da oltre 57 mila persone in Italia, e pari a 1.500 metri cubi. L’obiettivo è esaurire i quantitativi delle referenze usa e getta già acquistati e di passare poi alle soluzioni alternative.

=> Leggi come il governo italiano vuole dire stop alla plastica

Non sarà comunque questa l’unica iniziativa intrapresa. In un secondo momento saranno anche eliminate dai supermercati Lidl le posate e le cannucce in plastica presenti nei piatti pronti e nelle bevande to go, che saranno acquistabili dagli italiani in versioni più sostenibili.

5 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento