Le loro foto e i tanti video riempiono la Rete, affascinata dall’aspetto tenero e simpatico: stiamo parlando dei Loris Lenti, piccoli primati dagli occhi espressivi. Sono divenuti famosi per una fisionomia buffa costituita da zampette corte, occhi molto grandi contornati da una mascherina e orecchie minuscole. Animali principalmente notturni, amano stare da soli, ma qualche volta è facile imbattersi in piccoli gruppi familiari. Con il tempo sono diventati protagonisti di un mercato illegale dove le chiavi di lettura sono la violenza e la sofferenza loro inferta.

La commercializzazione di questi piccoli animaletti è illegale perché strappati da un ambiente selvatico e immessi in un circuito casalingo, per soddisfare la richiesta di ricche famiglie occidentali bramose di possederli come animali domestici. Nonostante esista un divieto di commercializzazione sin dal 2007, sancito dalla convenzione CITES sul Commercio Internazionale di Specie Minacciate di Fauna e Flora Selvatiche, i Loris Lenti finiscono nelle case all’interno di gabbie di ferro come elementi di attrazione. L’associazione Essere Animali punta il dito contro la problematica, che vede la cattura selvaggia di questi animali e, in particolare, dei cuccioli tolti alle madri poi uccise. Vengono strappati i denti per impedire morsi di difesa, spesso velenosi, quindi gli esemplari sono stipati in gabbie fatiscenti e immessi sul mercato illecito.

I costi sono spesso elevatissimi e lo stress altissimo, molti di loro non riescono a sopportare il trauma e muoiono durante il viaggio, spesso colpiti da infezioni e devastati da un’alimentazione sbagliata. La loro condanna purtroppo è l’aspetto tenero e dolce, il muso buffo e simpatico che li rende appetibili per un commercio irrispettoso. Come sostiene l’International Union for Conservation of Nature, per questi animali si paventa lo spettro dell’estinzione, incentivato da una richiesta sempre più pressante e aggravato dalla distruzione del loro habitat naturale per la produzione di olio di palma.

26 novembre 2014
Fonte:
Lascia un commento