Longevità record in Italia, ma allerta giovani per fumo, alcol e obesità

L’aspettativa di vita alla nascita in Italia è la seconda più alta di tutti i Paesi dell’Unione europea e un’ampia maggioranza (due terzi) della popolazione italiana gode di buona salute. Segnali incoraggianti per gli adulti, mentre preoccupa la salute dei giovani come si apprende dall’ultima edizione dell’European Health Report creato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Secondo quanto affermato dal ministro della Salute Giulia Grillo in occasione della presentazione a Roma della 68esima riunione del Comitato regionale dell’OMS Europa, l’Italia è il secondo Paese in Europa per la più alta aspettativa di vita, ma l’attenzione del governo deve spostarsi “sulle popolazioni più giovani, in cui si registrano segnali d’allarme non più trascurabili”. Questo perché se l’Italia è riuscita a limitare i danni alla salute delle persone adulte – ad esempio il numero di persone adulte che fumano è diminuito – non si può dire la stessa cosa sui giovani, che destano preoccupazione.

=> Scopri la ricetta per restare sempre giovani

Secondo l’OMS un italiano su 5 soffre di obesità, numero che riguarda soprattutto i maschi in giovane età. Inoltre, ha aggiunto il ministro, “c’è un grosso problema, in generale legato alle dipendenze: da fumo, alcol, droga e gioco d’azzardo”:

Non si è fatta in questi anni una politica di prevenzione mirata ai giovani. E siamo molto indietro anche sull’attività fisica a scopo preventivo. Stiamo lavorando però a un nuovo Piano nazionale di prevenzione, per tradurre questo in azioni.

=> Leggi perché l’esercizio fisico ringiovanisce il cervello e previene l’Alzheimer

Previsto anche un nuovo Piano della prevenzione vaccinale che tenga conto degli adulti. In particolare preoccupa il fatto che l’Italia è tra i Paesi europei più colpiti dall’attuale epidemia di morbillo.

17 settembre 2018
Lascia un commento