Sicuro come un’auto, agile come una moto e con zero emissioni allo scarico. Quello che è il sogno di milioni di automobilisti e motociclisti in tutto il mondo potrebbe diventare realtà grazie alla Lit Motors, azienda americana con base a San Francisco che ha presentato un veicolo difficile da inquadrare in una categoria ben precisa, ma con il vantaggio di essere alimentato esclusivamente tramite energia elettrica.

La novità in questione è la Lit Motors C-1, un mezzo di trasporto a due ruote molto simile a una qualunque moto, ma “avvolto” in un abitacolo di sapore automobilistico con tanto di sportelli che richiamano visivamente il profilo di una simpatica microcar da città. Si tratta di un veicolo che, fin dal primo sguardo, apre un punto interrogativo riguardo il modo in cui si mantiene in equilibrio, dato che si tratta di guidare un mezzo a due ruote con un abitacolo che, seppur di dimensioni contenute e relativamente leggero, ha pur sempre i suoi ingombri e un peso superiore a quello di qualsiasi carenatura di stampo puramente motociclistico.

La risposta a tale perplessità è insita nella Lit Motors C-1, che si avvantaggia della presenza di un sistema stabilizzatore giroscopico in grado di evitare la perdita di equilibrio in qualsiasi condizione, anche in caso di impatto o di errore umano nell’impostare la traiettoria in curva. La tecnologia giroscopica proprietaria della casa americana è in grado, quando il conducente effettua una virata, di impostare autonomamente il livello di deportanza, in modo da controbilanciare in ogni momento il peso e non far venire mai meno l’equilibrio delle masse.

Il veicolo elettrico è dotato inoltre del sistema di frenata rigenerativa, il KERS, che consente di ricaricare le batterie durante la marcia in modo da aumentare l’autonomia massima fino a poco oltre i 320 chilometri con una carica completa, arrivando a una velocità di punta di 161 km/h e assicurando uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 6 secondi.

La Lit Motors punta molto su questo veicolo, spiegando che la tecnologia giroscopica con sospensioni autolivellanti messa a punto dai propri tecnici potrebbe trovare applicazioni anche in altri ambiti, tra cui la nautica, l’industria aerea e quella automobilistica. Per il futuro l’azienda di San Francisco prevede di far debuttare la C-1 sul mercato nel 2014, ad un prezzo iniziale di 24.000 dollari, per poi scendere, dopo un paio d’anni, a 16.000 dollari.

Per il 2018, invece, quando la commercializzazione sarà andata pienamente a regime, l’azienda ipotizza un prezzo di mercato non superiore a 12.500 dollari, il tutto senza contare che la dotazione di serie potrebbe vedere la presenza di accessori tipici delle auto, come ad esempio il climatizzatore o un sistema di infotainment comandabile sia tramite comandi vocali che per mezzo di un dispositivo mobile.

11 settembre 2012
Fonte:
Lascia un commento