Il cambiamento climatico minaccia sempre più specie animali. Ad aggiungersi alla lista è ora la lince iberica, un raro felino selvatico, che potrebbe estinguersi nei prossimi 50 anni. È quanto rivela uno studio del dipartimento ambientale dell’Università di Adelaide: il solitario animale non trova più condizioni di vita favorevoli alla sua riproduzione, così come a ridursi sono anche le sue prede.

>>Scopri tutti gli animali popolari in via d’estinzione

Di lince iberica, originariamente diffusa in Spagna e in Portogallo così come suggerisce il nome, ne rimangono in vita pochi esemplari: dagli 84 ai 143 adulti. L’animale, da tempo considerato come il felino più minacciato al mondo, non solo ha subito gli effetti di decenni di caccia indiscriminata, ma anche deve fronteggiare la carenza di sue prede naturali, come il coniglio europeo. Gli esperti sono molto preoccupati: in meno di 50 anni, di questa particolare e affascinante lince non vi sarà più traccia.

Mostriamo come il cambiamento climatico possa portare a una rapida e severa diminuzione dell’abbondanza della lince nei prossimi decenni, con la sua probabile estinzione nei prossimi 50 anni. Gli attuali sforzi di gestione potrebbero essere inutili se non terranno in conto gli effetti combinati del cambiamento climatico, dell’uso del territorio e dell’abbondanza delle prete sulle dinamiche della popolazioni delle linci iberiche.

Così spiega Damien Fordham, ricercatore dell’università che ha condotto lo studio. Al momento gli esemplari si concentrano tutti nella Sierra Morena e al parco nazionale Donana, perché il loro habitat è stato ridotto da 15.000 a 463 miglia quadrate. Gli scienziati nel tempo sono riusciti a far riprodurre la lince iberica in cattività e si spera, nei prossimi tempi, di rilasciarne dai 20 ai 40 capi in natura.

22 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Roby, lunedì 22 luglio 2013 alle21:53 ha scritto: rispondi »

( Se fossi animale sarei più felice da morto che da vivo con una simile umanità) Ovviamente non intendo tutta l'umanità, ma quella che non merita neppure di essere cosi definita!!!

Lascia un commento