Liberati 1.000 gatti destinati ai ristoranti cinesi

L’ennesimo salvataggio di gatti destinati all’alimentazione e alla ristorazione è accaduto di recente in Cina, nei dintorni di Jiangsu. Un camion con un bottino miagolante è stato intercettato e fermato martedì scorso dalla Polizia di zona. La merce era destinata al commercio alimentare di Guangzhou, l’ex Canton, come prelibatezza da servire nei ristoranti locali.

La motivazione dello stop del trasporto è legata solo alla mancanza delle regolari autorizzazioni, che ne ha decretato il fermo e il successivo sequestro dei gatti. Gli animali però non hanno trovato la giusta accoglienza per mancanza di strutture adeguate e le autorità di Wuxi, con il supporto della Polizia, hanno liberato i felini sulle colline della zona di Shanghai. Una decisione complessa che ha spinto molti animalisti e associazioni locali ad accorrere in soccorso dei gatti.

Purtroppo dei mille liberati solo 50 sono stati recuperati e salvati, per molti il luogo sconosciuto si è rivelato una trappola. Impossibile trovare cibo e rifugio adeguati, situazione che ha condizionato l’esistenza dei più riducendoli in fin di vita. Per altri il traffico si è rivelato una trappola mortale, ma i 50 strappati alle difficoltà sono stati felicemente adottati. La Cina non è nuova a questo genere di esperienze, solo all’inizio dell’anno una situazione simile era accaduta a Changsha dove altri mille gatti erano stati salvati da un incidente stradale quindi riscattati tramite un pagamento al conducente del camion.

Nonostante un rinnovato sentimento animalista, in molte zone della Cina le pietanze a base di gatto sono ancora molto richieste e diffuse. Una tradizione alimentare che non cede il passo, ma si affianca a quella a base di carne di cane. In particolare nelle zone rurali questo genere di commercio non conosce crisi, per poi giungere sulle tavole dei ristoranti più in voga e importanti.

5 novembre 2013
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
gabry, domenica 10 novembre 2013 alle12:27 ha scritto: rispondi »

Un popolo che mangia cani e gatti non è degno di nessun rispetto. I nostri cani e gatti sono i ns/amici vivono e mangiano con noi e fino alla morte ci amano e ci difendono!!!

Silvano Ghezzo, martedì 5 novembre 2013 alle22:37 ha scritto: rispondi »

Non succede solo in Cina, ma anche in Italia. Durante le feste natalizie dello scorso anno sono "stranamente" spariti tutti i gatti del mio circondario e, credetemi, non per colpa mia. Ho qualche "vago sospetto" dovuto alla vicinanza di due "ristoranti asiatici", ma forse sono solo il solito malfidato e sospettoso. Forse c'è stato un semplice suicidio di massa, chissà....

Lascia un commento