Arriva l’hamburger realizzato in laboratorio. A presentarlo alcuni ricercatori dell’Università di Maastricht, che hanno realizzato questo “cibo del futuro” a partire da uno specifico tipo di cellule staminali. Una novità a lungo annunciata e che non mancherà di continuare a far discutere anche durante la presentazione, prevista per la prossima settimana a Londra.

A febbraio 2012 avevamo già riportato la notizia riguardo la possibilità di creare un hamburger in provetta, non partendo quindi come di consueto dalla carne macinata e contro la cui “nascita” si erano subito opposti LAV e Coldiretti. Ora ci troviamo invece di fronte a un prodotto finito, che i ricercatori assicurano di aver anche già provato e apprezzato.

Si tratta di un hamburger realizzato a partire dalle cellule miosatelliti, di norma responsabili della riparazione dei tessuti muscolari lesionati, ottenute mediante prelievo dal collo dei bovini. Conservate sotto liquido e private delle sostanze necessarie alla loro crescita, queste speciali staminali passano per uno stadio di fibra muscolare primitiva (miotubi) per poi infine divenire strisce di carne ricche di proteine.

Pur non tenendo conto degli indubbi risvolti etici e morali di questo tipo di pratica, che punta a realizzare derivati della carne prodotti con metodi non violenti o lesivi dell’animale, quello che resta per il momento l’ostacolo maggiore è il costo dell’operazione. Ogni hamburger richiede circa 20 mila di queste strisce, per un totale speso in produzione di circa 250 mila euro a porzione. Secondo le prime stime questo prodotto dovrebbe scendere a prezzi accettabili per i consumatori tra almeno 10 anni.

Il dibattito ad ogni modo è già aperto e non mancherà di svilupparsi durante la presentazione londinese, durante la quale l’hamburger verrà cucinato soltanto con l’aggiunta di sale e pepe. Questo per confermare quanto già riferisce Mark Post, responsabile delle ricerche, ovvero che l’hamburger in provetta avrebbe un buon sapore.

1 agosto 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento