Il panorama delle biciclette elettriche dà il benvenuto a una novità destinata ad attirare presto l’attenzione. Si tratta di Levitation, la nuova “eco-bike” della DEzien disegnata dall’architetto Michael Strain, un modello che guarderà non soltanto al recupero intelligente dell’energia elettrica prodotta durante la pedalata, ma che punterà a trasformare la stessa bici in un punto di connessione mobile.

In primo luogo Levitation sarà in grado di produrre elettricità dalla pedalata, alimentando così in maniera autonoma le proprie necessità energetiche, oltre ad avere a disposizione una serie di strumenti ad alta tecnologia per consentire una piena connessione del ciclista con il mondo circostante (reale e virtuale). Innanzitutto tramite il display LED, sul quale verranno segnalati i dati relativi alla prestazione fisica (calorie consumate, pressione, battito cardiaco ecc.) e all’energia prodotta.

>>Scopri, la bici elettrica che non ha bisogno di ricarica

Grazie alle batterie in dotazione, in grado di accumulare durante la pedalata notevoli quantità di elettricità, Levitation potrà ricaricare tramite una porta usb il proprio cellulare o altro dispositivo mobile similare, così come altri apparecchi casalinghi e persino un’auto elettrica. L’energia potrà essere infine rivenduta alla rete grazie allo speciale software in dotazione. Attesa anche per una delle novità più attese alla prova dei fatti, quando il progetto conoscerà il suo battesimo su strada, ovvero l’hot-spot per il collegamento Wi-Fi.

>>Confronta i modelli di bici elettriche in commercio

In assenza di sospensioni l’ammortizzazione degli urti verrà garantita da speciali magneti posti su entrambe le ruote, che entreranno in funzione appena l’andatura si farà più sostenuta. Se la velocità sarà ridotta la bici funzionerà come una normale due ruote a pedali.

Il materiale previsto per la realizzazione è l’HI-MAC, facile da modellare e adattare, il che consentirà la produzione di un prototipo in tempi che il gruppo di lavoro assicura brevi.

15 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento