Una vita difficile, quella del leopardo Bakari, strappato agli affetti della madre in tenerissima età per diventare un oggetto di intrattenimento. Il felino, ancora cucciolo nel 2010, era un’attrazione per uno zoo tedesco, a disposizione dei visitatori pronti scattare selfie, soprattutto durante il periodo natalizio. Ma dopo i primi due mesi di entusiasmo e interesse, il piccolo era cresciuto e lo zoo Tierpark Nadermann, dove risiedeva, aveva deciso di liberarsi di lui. Un destino tristemente comune a molti di questi animali che spariscono finendo in strutture non idonee. Per Bakari il percorso è stato meno sfortunato del previsto, perché una struttura dei Paesi Bassi ha deciso di ospitarlo.

Il leopardo è così finito presso il Stichtung Pantera, dove il contatto con l’uomo era ridotto al minimo. Nonostante le buone intenzioni, il centro, che versava in condizioni economiche difficili, si è adoperato con energia ma non fornendo un ambiente del tutto idoneo. Per Bakari e gli altri animali la sopravvivenza è stata complicata, i recinti erano piccoli e malandati e le scarse finanze non permettevano miglioramenti. Dopo tre anni di difficoltà la struttura ha chiesto l’aiuto di Four Paws International, che è intervenuta immediatamente. La gabbia del leopardo, piccola e posta accanto a quella dei leoni, è stata ampliata e migliorata anche con l’introduzione di tronchi d’albero. Il felino ha così iniziato a sviluppare la sua indole saltando e nascondendosi, mantenendo agile la sua fisicità.

=> Scopri il leopardo delle nevi


Simone Schuls, nuovo gestore della struttura ribattezzata Félida, ha permesso un ulteriore miracolo trasferendo gradualmente buona parte dei suoi ospiti in un’oasi in Africa. Per ultimo è partito Bakari che aveva imparato a entrare nella gabbia per il trasporto in modo autonomo, grazie a un percorso di prove e premi affrontato dallo staff giorno dopo giorno. Al suo arrivo presso il santuario Lionsrock, in Sudafrica, il leopardo ha trovato uno spazio più vasto, ricco di vegetazione e di vicini di casa della sua razza. Le prime foto lo mostrano felice mentre si rotola nell’erba, mentre il suo futuro sarà sicuramente più ricco e sereno.

15 novembre 2016
Fonte:
Lascia un commento