È una storia triste, quella che proviene dagli Stati Uniti e coinvolge un gruppo di innocui felini. L’ennesimo episodio di violenza sugli animali, salito agli onori della cronaca internazionale, nonché già condannato sui social network nonché dalle organizzazioni che si occupano del benessere degli amici a quattro zampe. Una gatta, infatti, non solo è stata abbandonata, ma è stata rinvenuta con i suoi cuccioli legati al corpo da fascette di plastica.

La cruenta vicenda è stata scoperta in quel di White County, in California. Una gatta si trovava impigliata all’interno di un cespuglio e, per questo, è stata notata da alcuni passanti. Al momento della liberazione, però, è emerso come ignoti avessero legato i suoi tre piccoli cuccioli alla zampa destra posteriore, con l’aiuto di fascette di plastica per il contenimento di cavi elettrici. Uno dei piccoli, purtroppo, è stato rinvenuto già morto.

Condotti rapidamente in un centro veterinario e presa in carico dal White County Animal Control, per mamma gatta e i suoi cuccioli gli esiti sono stati ben diversi. I piccoli gattini, infatti, sono tutti deceduti nel giro di 24 ore, poiché irrimediabilmente feriti dalla stretta fascetta. La micia è invece sopravvissuta, ma ha rischiato di perdere la zampa destra posteriore dato il blocco prolungato della circolazione nell’arto. Così ha commentato Jill Kaloustian, dell’associazione “Angels Among Us Pet Rescue”:

Questa è la cosa peggiore che ho visto fare ai danni di un gatto. E ho davvero visto di tutto.

Non è dato sapere chi sia il responsabile di un atto così crudele, ma la gatta è ora in cerca di una nuova abitazione. Dopo tutte le cure del caso e la conseguente convalescenza, l’esemplare è stato sottoposto alle necessarie vaccinazioni e alla successiva sterilizzazione. Le associazioni per la tutela degli animali ricordano, per chi non fosse più in grado di accudire un animale domestico, come esistano numerosi centri pronti ad accoglierlo gratuitamente, evitando così la tortura dell’abbandono e della violenza.

20 luglio 2016
Fonte:
I vostri commenti
Roberta, giovedì 21 luglio 2016 alle5:32 ha scritto: rispondi »

Come si fa a fare certe cose, menti contorte e violente!

Lascia un commento