La recente indagine annuale di Legambiente, “L’a-bici“, ha stilato una classifica delle città più “ciclabili” d’Italia, quelle, cioè, in cui la possibilità di muoversi sulle dolci due ruote è più sviluppata che in altre.

Ecco, allora, che i centri più a misura di ciclista sono Reggio Emilia e Lodi, seguite da Modena, Mantova, Vercelli, Cremona, Forlì, Ravenna, Cuneo, Ferrara e Piacenza.

L’unità di misura utilizzata da Legambiente è stato l’indice di ciclopedonalità. Si tratta di un nuovo parametro che misura l’impegno utilizzato per integrare fra loro i diversi mezzi di trasporto di una città.

Per questo, Reggio Emilia domina la classifica non per il numero più alto di piste ciclabili ma perché è:

La città dove ogni 100 abitanti ci sono oltre 30 metri equivalenti di percorsi ciclabili, tra piste, zone pedonali e con moderazione di velocità a 30 km/h.

Come si legge sul Resto del Carlino, una nota di Legambiente recita:

La stretta collaborazione che quest’anno, in occasione di ExpoBici, PadovaFiere ha voluto costruire con Legambiente sottolinea la crescente attenzione dell’evento fieristico sul tema della mobilità sostenibile e della sicurezza dei cittadini che utilizzano la bicicletta per muoversi in città.

E proprio a Padova, infatti, si è registrata la più alta densità di vie ciclabili, con circa 140mila spostamenti quotidiani. Uno dei risultati positivi, però, non riguarda soltanto i singoli comuni, bensì l’intero territorio.

Il nostro Paese, infatti, si dirige verso la crescente necessità di mobilità sostenibile: le piste ciclabili hanno raggiunto, nel 2009, la cifra record di 3.227 km (380 km in più rispetto al 2008 e 730 km rispetto al 2007).

16 settembre 2010
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento