LED più efficienti ed economici grazie a nuovo materiale ibrido

Le luci LED rispetto alle lampade a incandescenza tradizionali permettono di ridurre del 75% i consumi di energia legati all’illuminazione degli edifici. L’adozione dei LED su larga scala è però ostacolata dai costi di produzione della tecnologia a basse emissioni e dalla qualità inferiore dei materiali. Per risolvere queste criticità un’équipe di ricercatori della Florida State University ha messo a punto un diodo a emissione luminosa low cost ed efficiente composto da materiali ibridi.

La sperimentazione, illustrata sulla rivista specializzata Advanced Materials, ha testato le potenzialità delle perovskiti organometalliche di alogeni. La classe di materiali ha dimostrato un alto livello di efficienza. La luminosità del nuovo LED con un voltaggio di 12 V è stata di ben 10 mila candele per metro quadrato. Per illuminare lo schermo di un computer sono sufficienti LED con un’intensità luminosa di 400 candele per metro quadrato. Come ha spiegato Hanwei Gao, docente di fisica che ha coordinato lo studio:

Si tratta di una luminosità eccezionale dovuta in gran parte all’alto livello di efficienza di questo nanomateriale cristallino.

Oltre a possedere un’intensità luminosa elevata il nuovo LED è facile da produrre ed economico. I ricercatori sono riusciti a realizzare il materiale ibrido in laboratorio in appena un’ora. Per realizzare un prototipo completo gli scienziati hanno impiegato solo mezza giornata.

A differenza delle perovskiti ibride convenzionali i nanomateriali testati dagli scienziati americani sono inoltre molto stabili anche in condizioni ambientali più ostili. La stabilità chimica è un fattore fondamentale perché consente di produrre i LED senza dover ricorrere a infrastrutture costose e sofisticate.

L’industria elettronica potrà contare su un materiale ampiamente disponibile in natura e facile da lavorare. Secondo i ricercatori americani la produzione di LED più efficienti ed economici faciliterà la diffusione della tecnologia su larga scala, ampliandone il campo di applicazione e contribuendo a un notevole risparmio energetico nel settore pubblico e residenziale.

18 novembre 2015
Fonte:
Lascia un commento