La tecnologia è sempre più amica dell’agricoltura: da tempo, ad esempio, riscuote molto successo la coltivazione idroponica, ovvero la crescita di ortaggi indoor e fuori suolo possibile grazie a un mix sapiente di irrigazione, composti inorganici naturali e clima artificialmente ricreato. Ma che ruolo gioca la luce in questo processo?

>>Scopri i LED che durano 40 anni

A rispondere a questa domanda ci pensano delle ricerche congiunte condotte da Philips e dall’Università di Wageningen: come facile intuire, la luce ha un effetto importantissimo per la crescita di vegetali sani e nutrienti. Da questo assunto è nata una sperimentazione sugli effetti della luce LED, in sostituzione di altri tipi di illuminazione artificiale, sulla coltivazione di pomodori: i risultati sono sorprendenti, con delle verdure più nutrienti, benefiche e ricche di vitamina C.

Gli scienziati hanno voluto aiutare le piante di pomodoro in coltivazione idroponica a ricevere una maggiore compensazione di luce, oltre a quella naturale a cui sono esposte anche indoor grazie apposite finestre. Per raggiungere questo scopo, hanno installato a grappolo delle lampade al LED, così che potessero illuminare le parti delle pianticelle più nascoste o non direttamente raggiungibili dai raggi solari. La dose aggiuntiva di luminosità è stata pari a un quarto di quella che le verdure potrebbero ricevere in una giornata assolata, ma gli effetti sulla crescita sono stati ben più ingenti.

>>Scopri i LED stampabili su carta

Posizionati sotto le foglie, così da illuminarne la superficie inferiore, i LED hanno permesso la maturazione di pomodori ben più ricchi di vitamina C, dall’aspetto più piacevole e più gustosi al palato rispetto a quelli cresciuti tramite coltivazione classica. La magia, se così si può definire, deriva completamente dalla potenzialità della luce, che stimola i vegetali a una crescita forte e rigogliosa.

L’intero processo, facilmente replicabile su larga scala, ha inoltre degli indubbi vantaggi a livello di consumi e di impatto sull’ambiente. Le coltivazioni al chiuso, infatti, richiedono normalmente un’illuminazione artificiale per poter essere poste in essere, un fatto che porta al consumo di parecchia energia elettrica. I LED, per loro natura, riducono le necessità di approvvigionamento energetico e diminuiscono così l’impatto sull’ambiente di questo speciale tipo di agricoltura. In definitiva, un metodo comodo, salutare e dal bassissimo spreco.

19 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Lorenzo, sabato 1 novembre 2014 alle12:32 ha scritto: rispondi »

Buongiorno, di quanto tempo necessità una coltura indoor per un ciclo di pomodori? Intendo ovviamente dalla semina al raccolto. grazie in anticipo per eventuali risposta

Lascia un commento