Anche l’esercito americano crede nel potenziale delle fonti rinnovabili e, in particolare, nel potenziale dell’energia solare. La dimostrazione è arrivata direttamente dalla presentazione di SolarStrong Project, un mega progetto a stelle e striscie che ha l’obiettivo di installare impianti fotovoltaici in tutte le caserme attualmente operative negli Stati Uniti.

I numeri di SolarStrong Project sono davvero stratosferici (160.000 installazioni sui tetti di 124 basi militari statunitensi in 33 Stati) e rappresentano l’ultima iniziativa in ordine di tempo del Dipartimento della Difesa, che da tempo ha dichiarato l’obiettivo di voler passare alle fonti rinnovabili per almeno il 25% dei propri consumi entro il 2025.

Secondo Steven Chu, Segretario all’Energia Usa e principale promotore del progetto:

Si tratta del più grande progetto di impianti fotovoltaici residenziali della storia, che, in un colpo solo, raddoppierà il numero di impianti residenziali attualmente installati negli Stati Uniti.

Il progetto, in particolare, che avrà una durata di circa cinque anni e sarà condotto dalla SolarCity Corp, permetterà di creare almeno 6.000 nuovi posti di lavoro, la maggior parte dei quali saranno assegnati a veterani o membri delle loro famiglie, che saranno sottoposti a specifici corsi di formazione. Gli impianti, la cui potenza totale dovrebbe raggiungere i 371 MW, saranno installati sia sui tetti delle caserme che degli uffici amministrativi e dei magazzini.

La conferma definitiva dell’avvio di SolarStrong Project, il cui costo è stimato in un miliardo di dollari, è arrivata proprio nei giorni scorsi con l’annuncio da parte di Chu di una nuova maxi garanzia di prestito da 344 milioni di dollari (circa 250 milioni di euro) da parte del DOE (Department of Energy).

12 settembre 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento