Lavatrici e pannelli solari: Trump dichiara guerra a Cina e Sud Corea

Il Presidente degli Stati Uniti Trump ha preso di mira lavatrici e pannelli solari. Ha deciso di imporre dei dazi del 30% sull’importazione per questi prodotti che vengono soprattutto dalla Cina e dal Sud Corea.

Le principali case produttrici hanno reagito molto male a questa tassazione particolarmente onerosa, per questo hanno deciso di fare ricorso all’Organizzazione Mondiale del Commercio. Gli Stati Uniti sono arrivati all’applicazione di un forte dazio perché, secondo le recenti indagini svolte dalla US International Trade Commission, l’importazione di lavatrici e di pannelli solari dall’estero non farebbe altro che danneggiare la produzione nazionale degli elettrodomestici.

=> Leggi di più su Trump e rimozione riferimenti al clima sui siti Web governativi USA

Il dipartimento del commercio è stato molto chiaro a questo riguardo, perché si tratterebbe di difendere i lavoratori americani. I produttori locali hanno voluto l’applicazione di queste tasse, soprattutto per quanto riguarda i moduli fotovoltaici, perché le importazioni cinesi cominciano a far sentire il loro peso.

=> Leggi di più Trump e ridimensionamento aree protette

Molti però sono coloro che contestano questa presa di posizione da parte degli Stati Uniti. Alcune industrie si occupano della realizzazione di materiali che vengono importati per l’80% dall’estero e quindi i responsabili temono che l’imposizione di queste tasse sulle lavatrici e sul fotovoltaico possano mettere in crisi un settore molto importante.

La Cina e la Corea del Sud hanno espresso il loro forte disappunto, parlando di abuso in ambito commerciale e schierandosi dalla parte dei consumatori, che si ritroverebbero a pagare di più, oltre ad avere meno opportunità di scelta, se queste tasse metteranno in crisi le importazioni di lavatrici e pannelli solari.

23 gennaio 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento