Ha preso il via il 6 luglio un’importante campagna di sensibilizzazione coordinata dalla LAV, orientata verso l’adozione di animali anziani. Un progetto molto importante che spinge verso l’accoglienza casalinga di cani e gatti non più giovani o cuccioli, ma sempre bisognosi di attenzioni e amore.

La campagna prende il nome di “Questa è una vecchia amicizia” ed è stata realizzata dall’associazione in tandem con i sindacati dei pensionati CGIL, CISL, UIL. Ma anche con il supporto e il sostegno del Comune di Milano: infatti luogo dell’incontro e della promozione dell’evento è stato il Parco Canile Rifugio di Milano. Un’occasione utile per presentare anche altri progetti, che segneranno il percorso di tutto il resto del 2017 e che verranno estesi ad altri gattili e canili nel resto d’Italia.

=> Scopri come nutrire il cane anziano


Il progetto è rivolto, in particolare, ad alcune fasce d’eta come ad esempio gli anziani. Un modo utile per creare una sinergia importante tra due realtà bisognose di amore e affetto, ma anche molta attenzione. Per questo il binomio potrebbe risultare vincente e duraturo, ideale alla salute di entrambi e importante per contrastare la piaga sempre presente del randagismo. Inoltre, l’adozione di un animale adulto garantisce effetti positivi sin dall’inizio. Perché il quadrupede è in grado di apprendere comandi e regole in modo rapido, richiedendo meno impegno ed energia ma offrendo moltissimo amore e riconoscenza. Nel progetto, come specifica LAV, sono coinvolte 180 persone – educatori cinofili, operatori di canile/gattile, volontari – pronti a interfacciarsi con 3.500 animali tra cani e gatti. Con il primo anno di campagna, nel 2016, ben 448 cani e 130 gatti affidati alle cure di LAV sono hanno trovato famiglia.

=> Scopri perché adottare un gatto anziano


Roberta Guainer, assessore allo Sport e al Turismo con delega agli Animali, ha così commentato riferendosi al canile di Milano:

La realtà del nostro Parco Canile è di assoluta eccellenza e rappresenta un modello per le altre realtà nazionali ed europee. Tuttavia non ci si deve stancare di promuovere le adozioni e contrastare gli abbandoni, né di promuovere le giuste combinazioni: gli animali adulti sono perfetti per la popolazione anziana e per le famiglie con bambini, perché capaci di adeguarsi a ritmi di vita tranquilli e facilmente gestibili. Adottare un animale anziano, dunque, non è soltanto un atto di civiltà ma può rappresentare una scelta che può significativamente fare la differenza nell’esito della convivenza.

7 luglio 2017
Fonte:
Lav
Lascia un commento