Una Pasqua all’insegna del salvataggio di pecore e agnelli, quella che sta caratterizzando il panorama politico italiano. Dopo Silvio Berlusconi, il quale negli scorsi giorni ha deciso di ospitare ben cinque agnellini presso la sua tenuta di Arcore, anche Laura Boldrini ha optato per l’adozione di due simpatici esemplari. Due pecorelle, ribattezzate per l’occasione Gaia e Gioia.

La Presidentessa della Camera ha deciso di adottare a distanza le due pecorelle, di circa due mesi età, per poi conoscerle a Montecitorio. L’incontro è avvenuto questa mattina, grazie a due volontarie Enpa che hanno deciso di accompagnare gli erbivori, i quali hanno fatto il loro ingresso presso la Presidenza della Camera.

=> Scopri gli agnelli adottati da Silvio Berlusconi


Un gesto di sensibilizzazione per il rispetto degli animali, completato da una petizione della stessa Enpa, con già ben 35.000 sottoscrittori. Così si legge sul profilo ufficiale Facebook di Laura Boldrini:

Si chiamano Gaia e Gioia le agnelline di due mesi che oggi sono venute a Montecitorio insieme all’Enpa, l’Ente nazionale protezione animali. Ho deciso di adottarle a distanza, un gesto utile a salvare la vita a questi animali. Per lo stesso motivo l’Enpa ha lanciato una petizione, che ha già raccolto 35mila firme, con la quale si chiede la fine della macellazione degli agnelli in occasione della Pasqua. Una pratica che nel 2016 ha portato al mattatoio ancora oltre due milioni di animali, anche se si registra una significativa riduzione rispetto agli anni precedenti. Ho voluto fare la mia parte in questa campagna di sensibilizzazione perché credo che il rispetto delle tradizioni non ci obbliga a uccidere altri esseri viventi.

=> Scopri le alternative cruelty-free all’agnello


Come già accennato, negli scorsi giorni anche Silvio Berlusconi ha voluto impegnarsi in un gesto di salvaguardia simile, adottando cinque agnellini presso la sua tenuta di Arcore. Un’iniziativa nata in collaborazione con Michela Vittoria Brambilla e Leidaa, per sensibilizzare al rispetto degli animali e alla scelta di un’alimentazione cruelty-free in occasione del classico pranzo pasquale.

12 aprile 2017
Fonte:
Lascia un commento