Latte vegetale: una petizione chiede IVA al 4%

Il latte vegetaleriso, soia, farro, miglio, avena – è una risorsa indispensabile per milioni di cittadini italiani, intolleranti a quello vaccino o costretti all’uso per altre allergie alimentari. E non è solo scelto da chi ne necessita l’assunzione, ma è sempre più la soluzione di preferenza anche per chi ha optato per una dieta vegana e vegetariana. Purtroppo, però, il prezzo di questi prodotti rischia di lievitare a causa delle norme sull’IVA e i consumatori, così, si sono decisi a riunirsi in una petizione.

A differenza degli altri beni di prima necessità, con un’imposizione IVA del 4%, i latti vegetali non subiscono alcuna agevolazione, quindi sono soggetti alla normale IVA al 22%. La stessa che è imposta su dispositivi elettronici, automobili, prodotti per l’intrattenimento, abiti e via dicendo. La differenza, tuttavia, è nel notare come uno smartphone o una fiammante sportiva non siano delle necessità insostituibili per il consumatore, mentre il latte vegetale è un’esigenza alimentare a cui milioni di italiani non possono permettersi di rinunciare.

Nasce così su Change.org una petizione, voluta da Lorenzo Lombardi – consulente in Green Economy e per 5 anni Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Pistoia – affinché il Governo Letta, o quello che lo seguirà date le ultime ore di tumulto politico in quel di Roma, riconsideri l’imposizione IVA sull’alimento, portandola al 4% come sarebbe lecito attendersi. Così recita il testo della missiva:

Chiediamo che anche ai latti vegetali sia applicata l’IVA al 4% per permettere a tutte le persone che scelgono di vivere vegan, a tutti gli intolleranti al latte, a tutti coloro che scelgono una vita salutistica e in generale a tutti coloro che scelgono questi prodotti, di poter avere la stessa IVA che vi è per altri beni di prima necessità.

Al momento sono quasi 40.000 i consumatori e i simpatizzanti che hanno deciso di sottoscrivere l’iniziativa, con un target fissato a circa 50.000 firme per considerare l’obiettivo raggiunto. A margine della petizione, può essere inserito un proprio messaggio per spiegare perché il latte vegetale sia così importante per la propria nutrizione.

14 febbraio 2014
Fonte:
I vostri commenti
cristina, giovedì 20 febbraio 2014 alle8:24 ha scritto: rispondi »

Ho scoperto il latte vegetale da poco più di un mese. Soffro di colite e se bevo il latte vaccino sto male. Adesso ho la possibilità di assumere il calcio necessario col latte vegetale.

Adele , lunedì 17 febbraio 2014 alle17:36 ha scritto: rispondi »

le tasse sui generi alimentari e di prima necessità dovrebbero essere tutte al 4% come in molti paesi dove vige almeno un minimo di democrazia e non la "politica" criminale che ha devastato l'Italia

Lascia un commento