Latte di soia alle neonate causa precoce maturità sessuale

Dare latte di soia alle neonate potrebbe causare una precoce maturità sessuale degli organi genitali. Lo rivela uno studio compiuto dagli esperti della Vanderbilt University. I ricercatori hanno tenuto conto di studi precedenti che riguardavano sempre il consumo di latte di soia.

Le ricerche precedenti avevano suggerito che la soia contiene quantità elevate di estrogeni, che possono alterare i livelli ormonali e influire sullo sviluppo dei più piccoli. Non è stato nemmeno scoperto il motivo per cui i maschi sembrerebbero essere meno soggetti a questo processo.

=> Leggi quali sono i migliori alimenti per lo sviluppo del cervello dei bambini

Gli scienziati hanno dichiarato che bisognerebbe effettuare altre ricerche in merito per capire se queste differenze siano associate anche ad effetti sulla salute a lungo termine. Gli indizi sono molti, perché studi particolareggiati hanno dimostrato come il consumo di soia potrebbe essere collegato all’interruzione delle funzioni ormonali, portando a condizioni come infertilità, tumore al seno e disturbi alla tiroide.

Secondo gli scienziati è raccomandato l’allattamento al seno per i bambini. L’alimentazione a base di latte di soia dovrebbe essere riservata soltanto a quei neonati che non riescono a digerire l’altro tipo di latte.

=> Scopri i possibili rischi per la salute delle bevande alla soia o alle mandorle

I ricercatori hanno preso in considerazione 410 bambini nati tra il 2010 e il 2013. 102 neonati sono stati alimentati esclusivamente con formule a base di latte di soia, 111 hanno consumato latte vaccino e 70 latte materno. Le neonate sono state seguite per 36 settimane, mentre i neonati maschi per 28 settimane.

Attraverso un’analisi ormonale, i risultati che sono stati pubblicati su The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism hanno messo in evidenza che la maturità genitale delle bambine era più spiccata. Inoltre gli studiosi hanno scoperto che l’allattamento al seno riduce nelle donne il rischio di malattie cardiache. Infatti l’allattamento al seno aumenta i livelli di colesterolo “buono” e abbassa la quantità di grasso nel sangue. Tra i vantaggi dell’allattamento al seno anche la riduzione dello spessore dell’arteria carotide.

14 marzo 2018
Lascia un commento