Bere 3 bicchieri di latte al giorno aiutano a combattere la demenza. Secondo quanto affermano i ricercatori della University of Kansas Medical Center un consumo regolare di tale bevanda contribuisce a contrastare gli effetti neurogenerativi e l’insorgere di patologie quali l’Alzheimer e il Parkinson.

Secondo lo studio condotto negli USA bere latte favorirebbe un incremento della presenza di un antiossidante nell’organismo, il glutatione, in grado di ridurre gli effetti nocivi dei radicali liberi a danno del cervello. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica American Journal of Clinical Nutrition.

Durante lo studio sono stati analizzati i livelli di glutatione registrati nel cervello di 60 adulti. Coloro che consumavano almeno 3 bicchieri di latte al giorno hanno fatto registrare i valori più alti di tale antiossidante. Come ha sottolineato la Dr.ssa Debra Sullivan, docente di dietologia e nutrizione presso l’ateneo statunitense:

Abbiamo a lungo pensato che il latte fosse molto importante per le ossa e molto importante per i muscoli. Lo studio suggerisce che potrebbe essere importante anche per il cervello.

Antiossidanti elementi essenziali nella difesa dell’organismo da patologie infiammatorie e neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson, come ha sottolineato anche il Dr. In-Young Choi, professore associato di Neurologia:

Gli antiossidanti sono un sistema di difesa strutturato con il quale il nostro corpo combatte questo danno e i livelli di antiossidanti nel nostro cervello sono regolati da vari fattori come gli stili di vita.

26 marzo 2015
Fonte:
Lascia un commento