Non capita di rado che il cane d’affezione, soprattutto se lasciato libero in giardino, possa di tanto in tanto abbaiare. Il passaggio di uno sconosciuto o un piccolo animaletto apparso all’improvviso, infatti, possono stimolare le attenzioni del quadrupede, pronto a reagire con la sua voce per segnalare l’intruso. Si tratta di un comportamento più che normale, tuttavia se protratto per tutto l’arco della giornata rischia di portare a serie conseguenze. Lasciare abbaiare per ore un cane, senza intervenire per calmarlo, è infatti illegale: è quanto ha stabilito la Cassazione con una recente sentenza.

La vicenda è accaduta nel trapanese, dove un giovane proprietario è stato segnalato dai vicini di casa, esausti dal continuo rumore causato dal suo cane. L’animale, ospitato in un parcheggio privo di cuccia vicino all’abitazione dell’uomo, pare fosse solito abbaiare senza sosta, sia di giorno che di notte. Seguiti i passi previsti dalla legge, il caso è giunto in Cassazione, dove la Suprema Corte ha ravvisato il reato prescritto dall’articolo 659 del Codice Penale, relativo al disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone.

=> Scopri il cane che abbaia sottovoce


Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone, ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici, è punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a trecentonove euro. Si applica l’ammenda da centotre euro a cinquecentosedici euro a chi esercita una professione o un mestiere rumoroso contro le disposizioni della legge o le prescrizioni dell’Autorità.

=> Scopri come educare il cane che abbaia ai simili


Al proprietario del quadrupede è stata perciò comminata una multa di 200 euro. Per evitare spiacevoli conseguenze, quindi, è necessario che i proprietari si attivino in prima persona per ridurre il rumore causato dai loro animali domestici, oltre naturalmente a quanto fisiologico per natura. L’abbaiare casuale e sporadico, infatti, sembra sia ovviamente ammissibile.

12 ottobre 2017
Lascia un commento