Lasciano i cani in auto mentre pranzano: multate le turiste

Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione a livello europeo, pronte a ripetersi con costanza a ridosso con l’estate, sono ancora molti i casi di cani lasciati in auto sotto il sole. Una condizione estremamente pericolosa per gli amici quadrupedi, poiché l’abitacolo si trasforma in un vero e proprio forno, con temperature che possano superare i 50 gradi e causare la morte degli esemplari. L’ultimo caso si è verificato a Bologna, dove due turiste sono state multate per aver chiuso due cani nella loro vettura, allo scopo di allontanarsi per consumare un pranzo.

Il tutto è accaduto nel parcheggio sotterraneo di Piazza VIII Agosto, così come riferisce la testata Bologna Today, dove i vigili del fuoco sono stati chiamati per liberare due cani chiusi in un’autovettura. Sebbene si tratti di un luogo riparato dal sole, la mancanza d’aria e la calura può comunque essere fatale per questi animali, pertanto l’intervento si è reso del tutto necessario.

=> Scopri quanto è diffusa l’abitudine di lasciare i cani in auto


I vigili del fuoco, chiamati al 115 da una passante che aveva notato l’abbaiare insistente dei due quadrupedi, sono riusciti ad aprire l’autovettura e a fornire dell’acqua fresca ai cani. Dopodiché è stata allertata la polizia locale, che ha provveduto a rintracciare le proprietarie. Le due turiste, di origine tedesca, si erano allontanate per consumare il pranzo e dovranno ora pagare una multa e sostenere i costi della chiamata ai servizi d’assistenza.

=> Scopri i rischi di lasciare il cane in auto


Come già accennato in apertura, non è mai consigliato lasciare animali domestici incustoditi all’interno della vettura, anche quando il finestrino è lievemente abbassato per garantire il circolo dell’aria. Le alte temperature possono provocare gravi problematiche di salute, dalla disidratazione al collasso, fino alla morte dei casi più complessi. In caso si vedesse un cane chiuso all’interno di una vettura, il primo passo è sempre quello di allertare le autorità, seguendo poi alla lettera le indicazioni che si riceveranno dagli operatori.

9 luglio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento