Un’avventura ricca di sofferenza e delusione, quella vissuta in primo piano da una cagnolina, arrivata tristemente in canile. La quadrupede, ospite del Downey Animal Care and Control, era stata recuperata dallo staff del canile perché finita accidentalmente in un giardino. Ma di lei nessuno conosceva storia e passato. Durante una visita alla struttura, per adottare un randagio, un gruppo di persone si era avvicinato mestamente al recinto dove stazionava la piccola. La quadrupede alla sola vista dei visitatori si era lanciata gioiosamente contro la rete, scodinzolando a più non posso e spargendo gioia in tutte le direzioni. Un comportamento spesso normale per i randagi che cercano una nuova casa, ma fin troppo eccessivo per un gruppo in apparenza di sconosciuti.

La struttura ha così voluto sondare meglio giungendo a una verità scottante, la piccola non gli era sconosciuta ma era la cagnolina del padre deceduto da poco. Alla morte del proprietario, la quadrupede aveva esternato dolore e infelicità, piangendo e mugugnando. Così la famiglia, alla prima fuga da casa della stessa, aveva pensato di lasciarla al suo destino. Finita in un giardino del vicinato era stata recuperata e portata al Downey Animal Care and Control. Un comportamento anomalo e crudele a cui aveva fatto seguito una conclusione ancora più dolorosa. La famiglia non era giunta in canile per recuperala, bensì per adottare un altro cane.

=> Scopri tutto sui cani


La piccola, ribattezzata dallo staff Zuzu, secondo le testimonianze del gruppo era sempre triste e depressa per via della dipartita familiare. Ma nonostante l’entusiasmo e la gioia esternati al solo rivederli, la famiglia è passata oltre. Lo staff ha deciso di trovare per Zuzu una nuova casa e, per agevolare il progetto, ha condiviso alcuni video della stessa, grazie alla complicità di Desi Lara che li ha pubblicati via Facebook. In uno di questi si può osservare l’incontro con l’ex famiglia e il relativo rifiuto. L’indignazione sollevata dalla vicenda ha scatenato commenti e un forte passaparola e, grazie a questo, presto raggiungerà una nuova casa e una dimora sicuramente più amorevoli.

1 dicembre 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento