Lasagne di pane carasau e pesto: ricetta vegan

Le lasagne di pane carasau sono una ricetta di semplice realizzazione, quindi adatta a tutti, anche alle mani meno esperte. Gli ingredienti sono reperibili sia nei supermercati della grande distribuzione che nei negozi più piccoli e specializzati in prodotti regionali. Dal punto di vista nutrizionale la ricetta è, secondo la classica composizione del menu italiano, un primo. Tuttavia, in versione finger food – ossia servita in monoporzioni che hanno più o meno la dimensione di un boccone – è perfetta anche come antipasto. In questo caso è comunque preferibile, considerato l’apporto di carboidrati, ridurre la porzione del primo per assicurarsi un menu equilibrato, che soddisfa senza appesantire.

Questa ricetta rappresenta anche l’incontro dei prodotti tipici di due regioni, la Sardegna con il suo pane carasau, e il pesto ligure. Le due tradizioni gastronomiche regionali sono realmente influenzate l’una dall’altra, e la motivazione risale ai tempi degli scambi commerciali dei genovesi della Repubblica Marinara: dai loro magazzini in Sardegna commercializzavano formaggi e pelli. Non a caso, il pecorino sardo è uno degli ingredienti base del tradizionale pesto genovese. Nella versione vegan della ricetta il formaggio manca, quindi si usa solo basilico fresco, lievito alimentare in polvere, pinoli, aglio e olio extravergine di oliva.

Vediamo cos’è il pane carasau, come si prepara il pesto nella sua versione vegana e la ricetta completa delle lasagne.

Pane carasau

Il pane carasau è molto probabilmente uno dei pani più antichi. È originario della Barbagia ed è conosciuto, soprattutto fuori dall’Isola, come “carta musica”. Il nome comune si riferisce al fatto che si tratta di una sottilissima sfoglia molto croccante, pronta a produrre un suono marcato e caratteristico quando si spezza. La sfoglia di pane carasau era parte del tipico pasto dei pastori sardi. È, come tutto il pane, una buona fonte di energia data soprattutto dai carboidrati. È privo di grassi, perché la ricetta originale prevede solo l’impiego di acqua e farina. Purtroppo non è adatto all’alimentazione di chi soffre di celiachia. Le sfoglie di pane carasau, proprio per il loro spessore ridotto, si prestano a essere impiegate come per la realizzazione di lasagne o torte salate.

Il pesto alla genovese senza formaggio

Ingredienti:

  • 100 g di basilico fresco;
  • 80 g di lievito alimentare in polvere;
  • 150 g di pinoli;
  • 5 g di sale fino;
  • 200 ml d’olio extravergine d’oliva;
  • 2 spicchio d’aglio spellato.

=> Scopri le proprietà curative del basilico

Raccogliete nel bicchiere del frullatore le foglie di basilico fresco: in alternativa, secondo la tradizione, potete impiegare il mortaio. Unite i pinoli e il lievito alimentare in polvere e frullate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Unite l’olio poco alla volta, il sale e l’aglio. Frullate fino a ottenere una consistenza omogenea.

Il lievito di birra in polvere ha un gusto delicato e adatto a essere impiegato nelle ricette che prevedono il formaggio stagionato grattugiato, come nel caso del pesto, oppure il tofu per quelle vegan. Il lievito alimentare è una buona fonte naturale di sali minerali, soprattutto fosforo e magnesio, e vitamine del gruppo B.

Lasagne di pane carasau e pesto vegan

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr di pane carasau;
  • 40 g di pangrattato;
  • 400 g di fagiolini lessati e sminuzzati;
  • 400 g di patate lessate e sminuzzate;
  • 200 g di tofu spalmabile mescolato con un cucchiaino di pesto;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 100 g di pesto alla genovese vegan;
  • 200 ml di brodo vegetale.

=> Scopri il pesto di rucola senza pinoli

Bagnate le fette di pane carasau nel brodo di verdure tiepido quindi scolate.
In una terrina unite le patate, i fagiolini, l’olio e il pesto. Mescolate bene e amalgamate tutto gli ingredienti. Ungete una pirofila da forno e disponete sul fondo uno strato di pane, quindi condite con il composto di pesto e patate. Coprite con un’altro strato di pane carasau. Continuate così fino alla fine degli ingredienti. Condite l’ultimo strato con il tofu al pesto e cuocete in forno caldo a 180°C, per 20 minuti circa. Servite caldo.

7 gennaio 2018
Lascia un commento