Nuovo vicino di casa per il gatto Larry, The Chief Mouser to the Cabinet Office, l’animale domestico del Primo Ministro inglese David Cameron. Alla porta accanto, al numero 11 di Downing Street, è arrivato un nuovo inquilino. Si chiama Lola ed è un cane di razza Bichon Frise di pochi mesi. La bianca e vaporosa cagnolina andrà a fare compagnia alla gatta Freya, di proprietà dell’antagonista politico e Cancelliere dello Scacchiere britannico George Osborne.

I due gatti, già rivali nella caccia ai topi che da tempo infestano il quartiere, vedono insidiare la loro fama dall’arrivo della dolce cagnolina. In particolare Freya, nota per la sua scaltrezza e coraggio in fatto di caccia nei vicoli, pare sia perplessa per il nuovo arrivo. Ma il Cancelliere smentisce tutto e nel weekend ha inviato tramite Twitter una loro foto insieme.

Nell’immagine la gatta appare nascosta sotto il tavolo mentre, con occhio inquisitore, osserva la new entry che a sua volta la scruta incuriosita. Le due sembrano prendere le misure reciproche, quasi a studiarsi, ma George Osborne e i suoi assistenti confermano invece come tra loro ci sia un buon feeling. Nella casa vivono altri tre piccoli animali: due pesci rossi e un pappagallino di nome Gibson.

Lola non è il primo cane a fare il suo ingresso nelle case del potere, prima di lei il Labrador Paddy, dell’ex primo ministro Harold Wilson. C’è chi sostiene che l’ingresso di Lola sia stata solo una mossa politica, atta a incuriosire e affascinare l’elettorato. Una strategia dello staff per far avanzare il Cancelliere nei cuori della gente e, in futuro, prendere il posto di David Cameron come Primo Ministro. Oppure solo semplice e sincero affetto verso gli animali, atteggiamento confermato dalla presenza di Freya e degli altri piccoli animali.

Di sicuro chi potrebbe perdere il primato è Larry che, sempre più in ombra, finirebbe per crollare nella classifica affettiva degli inglesi. Il sonnacchioso felino, però, al momento non pare turbato da questa ipotetica e bizzarra prospettiva.

4 febbraio 2014
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento