Lampadine alogene: dal 1 settembre 2018 al bando in Europa

Primo stop alle lampadine alogene in Europa a partire dal 1 settembre 2018. La nuova procedura è volta a migliorare il consumo energetico degli edifici, orientando gli acquisti sempre più verso le illuminazioni a LED, con riferimento al Regolamento della Commissione UE n. 244/2009 in materia di “progettazione eco-compatibile delle lampade a uso domestico” (connesso alla direttiva Energy Using Product o EUP) 2005/32/EC.

La messa al bando delle lampadine alogene permetterà tuttavia di utilizzarne alcune specifiche tipologie, quelle con attacchi R7 e G9 (purché almeno di classe energetica C). Il divieto scatterà quest’anno dopo essere stato inizialmente oggetto di un rinvio (entrata in vigore originale fissata al 1 settembre 2016) al fine di consentire la piena maturazione della tecnologia LED.

=> Leggi di più sulla proroga UE alla messa al bando delle lampadine alogene

Malgrado l’entrata in vigore del divieto fissata al primo settembre 2018, che riguarderà sostanzialmente la produzione di questo tipo di illuminazione, le lampadine alogene potranno essere vendute dai commercianti fino all’esaurimento delle scorte disponibili in magazzino.

L’Alt alla produzione UE di lampadine alogene rappresenta il completamento di quel processo di efficientamento del mercato europeo dell’illuminazione, che ha preso il via nel 2009 con la messa al bando degli ormai storici bulbi a incandescenza con potenza superiore a 100 watt e ha visto uno dei passaggi più importanti nello stop alle lampadine a incandescenza con potenza da 25 a 40 watt (datato 2016).

27 agosto 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento