Se non è una svolta poco ci manca. Parliamo della strada intrapresa da Lamborghini, uno dei costruttori di auto ad alte prestazioni tra le più conosciute e apprezzate, attualmente controllato dal gruppo Volkswagen.

Proprio in questi giorni, la casa di San’Agata ha inaugurato il suo primo impianto per la costruzione di supercar che si avvale di energia solare per mandare avanti l’attività produttiva. Un nuovo stabilimento in grado di fornire una potenza totale di 1,4 Megawatt e di consentire un abbattimento di CO2 del 20% circa in un anno.

Il complesso misura 17.000 metri quadri ed è stato costruito dalla spagnola Gestamp Asetym Solar. Grazie a questa e ad altre novità che riguardano tutta la produzione delle supercar italiane Lamborghini conta di far calare del 35% entro il 2015 le emissioni prodotte dal gruppo, come spiegato dall’amministratore delegato, Stephan Winkelmann:

Una riduzione del 50% delle emissioni di CO2 prodotte dallo stabilimento, un programma che va di pari passo con un miglioramento delle emissioni dei veicoli prodotti, destinate a calare del 35% entro il 2015.

L’impegno di Lamborghini, partito già dal 2007, quando iniziò l’installazione dei pannelli fotovoltaici in grado di fornire energia al nuovo impianto, continuerà quindi nei prossimi anni seguendo un affinamento di tutto il ciclo produttivo in modo da ottimizzare tutte le fase di produzione, ma non mancando di apportare modifiche anche alla scelta dei materiali usati per la produzione delle autovetture.

5 febbraio 2010
Lascia un commento