Un incontro inconsueto quello tra il cane Uva e un personaggio di Guerre Stellari: BB-8. L’adorabile video, pubblicato su YouTube dal proprietario Filipe Castro Matos, mostra l’entusiasmo del cucciolo nei confronti del giocattolo. Il meccanismo che si muove autonomamente è un gadget della saga e, tra un ronzio e un suono, scatena la curiosità di Uva. Il Labrador dal manto marrone appare all’inizio un po’ restio, forse titubante nei confronti del nuovo gioco. Ma in seguito passa il tempo a rincorrerlo per tutto il locale, abbaiando con veemenza verso il mini BB-8.

Tra un salto e una corsa, un movimento scoordinato tipico della sua giovane età, Uva diventa parte integrante della situazione. Puro entusiasmo e divertimento per il cucciolo che, accantonate le paure iniziali, sembra divertirsi sotto l’occhio vigile del proprietario. Le risate dell’uomo intento a riprendere sottolineano un attimo di pura felicità canina. Del resto si sa che gli animali di affezione, in particolare Fido, passano il tempo a giocare con tutto ciò che capita loro a tiro. Dalla pantofola ai legni in giardino, dalla pallina d’ordinanza a oggetti di uso comune. Impossibile perciò resistere a un articolo in movimento e per di più parlante, rumoroso e divertente.

Uva appare molto coinvolta dalla dinamica e il suo simpatico video è riuscito a catturare più di 110.000 visualizzazioni. La clip, apparsa anche sul profilo Instagram di Felipe, si conclude con la distruzione dell’articolo da parte dell’energica Uva. La quale, però, rimane perplessa e basita davanti alla successiva immobilità dell’oggetto. Condizione a cui cerca di rimediare con qualche zampata, nella speranza BB-8 riprenda vita. Ma come conferma lo stesso proprietario, in risposta a un commento, il Labrador ha proseguito con questa prassi per altri quindici minuti prima di desistere. Felipe e Uva, che condividono la quotidianità in quel di Lisbona, spartiscono un affetto sincero e molto forte. Come mostrano anche le immagini pubblicate su Instagram dove i due sono spesso in viaggio.

1 giugno 2016
Fonte:
Lascia un commento