Si chiama Schildi e di mestiere fa la tartaruga: il corso della sua vita ha cambiato traiettoria quando è stata salvata mentre vagava senza una zampa. La piccolina, probabilmente abbandonata per via della sua disabilità, girava senza meta all’interno di un giardino della cittadina tedesca di Neuried. Recuperata tempestivamente, è stata condotta presso la struttura veterinaria Marcellus Bürkle di Achern, nel Baden.

A prendersi cura di lei sin dal primo momento, all’interno del centro veterinario, è stato il medico Panagiotis Azmanis, della sezione locale di Birdconsulting International. Concentrato nel tentativo di salvare la vita alla piccola tartaruga, aveva però creato per lei una protesi troppo scomoda, che rendeva complicati anche i movimenti più semplici. Nonostante le buone condizioni di salute, la piccola è priva della zampa anteriore sinistra e presentava una zona necrotica con tanto di osso esposto. Per questo si era reso necessario un intervento tempestivo, che aveva portato però a una protesi inutilizzabile.

Dopo una serie di cure e l’amputazione della parte necrotica, si è passati a un periodo di antibiotici, antidolorifici e ricostituenti. Con il miglioramento della salute, il dottore si è ingegnato per agevolare la motilità di Schildi, così da renderla più scattante e autonoma. Rovistando all’interno della scatola dei giochi della figlia di un collega, ha scoperto la soluzione del problema: un piccolo mattoncino Lego. Il gioco di plastica è stato fissato alla corazza inferiore della tartaruga con della colla chirurgica, quindi collegato una piccola ruota in misura.

La soluzione ha riportato la tartaruga al movimento e alla felicità, ora vive in un rifugio per animali e verrà ricontrollata annualmente dal centro veterinario. Ma, data la voglia di vivere ritrovata dall’esemplare, sarà forse necessaria una verifica più frequente:

Nel caso dovesse bucare la ruota sarà possibile sostituirla facilmente. Vista la grande motilità ed energia riconquistata temo la vedremo presto per un cambio gomme.

11 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento