La Svizzera dichiara guerra alle automobili inquinanti, cercando di classificare il traffico veicolare secondo quattro categorie inquadrate in base al livello di emissioni prodotto e contraddistinte da quattro diversi bollini colorati.

L’idea arriva dal Dipartimento federale per l’Ambiente, i Trasporti, l’Energia e le Comunicazioni (Datec) e partirà con una fase di studio, della durata di tre mesi, durante cui sarà compito delle autorità cantonali stabilire le aree del territorio in cui rendere effettiva l’iniziativa.

In queste aree ambientali da salvaguardare sarà quindi vietato l’accesso ai veicoli molto inquinanti, ovvero ai modelli di vecchia generazione sprovvisti dei tanti accorgimenti introdotti negli anni dalle case costruttrici.

Il tutto sarà regolato con l’utilizzo di quattro bollini colorati, ognuno indicante la categoria in cui far rientrare il singolo veicolo. Si avranno quindi, secondo un ordine decrescente circa il livello di emissioni prodotte, un bollino nero rilasciato ai modelli meno rispettosi dell’ambiente, un bollino grigio, uno bianco e uno oro, rilasciato ai modelli più virtuosi e con un livello di emissioni molto basso, ovvero i più recenti modelli ibridi ed elettrici.

L’idea, che mira chiaramente a tutelare alcune aree urbane, sembra fare proseliti, tanto che, proprio in questi giorni, negli USA è allo studio una soluzione simile facente uso di specifici bollini da assegnare ai veicoli, al fine di cercare di regolare al meglio l’accesso delle auto nelle aree a maggior rischio inquinamento.

2 settembre 2010
Lascia un commento