Arrivano le scarpe low cost pieghevoli come un origami. Si chiamano Unifold e sono realizzate in etilene vinil acetato (EVA), un materiale meglio noto con il nome di gommapiuma. Per indossarle, in sostanza, basta acquistarne un paio e “piegarle in modo corretto” intorno ai propri piedi, senza necessità di stringhe, zip o altri sistemi di allacciatura.

Non solo. Le scarpe origami sono anche molto semplici da produrre: è sufficiente in sostanza tagliare un foglio di gommapiuma seguendo un certo modello, senza alcun processo di stampa, di cucitura o di incollaggio. Una caratteristica, questa, che rende le calzature Unifold particolarmente convenienti (anche il trasporto, vista la leggerezza del materiale impiegato, risulta tra l’altro molto economico), tanto che i loro ideatori, Horatio Yuxin Han e Kevin Crowley del Pratt Institute, sperano di diffonderle presto nei Paesi in via di sviluppo.

Sono oltre 300 milioni le persone nel mondo che ancora non riescono a permettersi un paio di scarpe, con conseguenze di carattere anche sanitario. In molte aree del Pianeta le calzature non rappresentano solo un accessorio per camminare più comodamente, ma uno strumento fondamentale per evitare di contrarre una malattia infettiva.

Al momento, la scarpa è disponibile in due modelli: una pantofola in stile asiatico e un sandalo con un design pieghevole più elaborato. La scelta dei modelli da realizzare, spiegano i produttori, è stata limitata dalla tecnica di realizzazione delle calzature Unifold. Ammette il designer Han:

Per necessità, lo stile della scarpa doveva essere condizionato dalla tecnica di piegatura, il che ha limitato la mia libertà. Tuttavia, queste limitazioni nella tecnica mi hanno incoraggiato a ricercare alcuni dettagli insoliti e sorprendenti per migliorare il look della scarpa.

Al momento, il progetto Unifold è comunque soltanto un’idea, ma gli ideatori contano di trasformarlo presto in una iniziativa commerciale. In caso di riuscita, non si tratterebbe soltanto di una novità di tendenza, ma di un modo per salvare letteralmente delle vite nelle regioni più povere del mondo.

17 settembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento