È ormai prossimo il lancio della nuova versione della PlayStation Portable, PSP Go, previsto il prossimo primo ottobre. Ma, mentre la potenza del sistema, la grafica e l’estetica sono sempre stati i fattori decisivi per le evoluzioni di tutte le console, questa volta non è così. La PSP Go non è più veloce o migliore graficamente rispetto alle versioni precedenti. Al contrario, il suo schermo è persino più piccolo della precedente PSP. Vi sono invece miglioramenti reali in termini di efficienza e convenienza dal punto di vista della sostenibilità ecologica.

La nuova console Sony punterà infatti sull’interazione online, e per la coscienza ambientale dei consumatori questa è una grande cosa, perché significa meno viaggi nei negozi, minori imballaggi, minori dischi da riempire e accessori in plastica, poche scatole e brochure pubblicitarie, e la conseguente diminuzione del trasporto di giochi e accessori.

La buona notizia per i videogiocatori è che il “PlayStation Store” sarà sempre più veloce e presenterà molti più contenuti digitali, contenuti che vecchi e nuovi possessori di PSP potranno sfruttare. Ma questa scelta piacerà anche agli ecologisti, perché consentirà anche di risparmiare sulla durata della batteria, sulle materie plastiche e sulle spedizioni.

In sostanza, la PSP Go è un passo nella giusta direzione per quanto riguarda l’ambiente. E questo, alla fine, potrebbe significare l’inizio di una nuova era anche per le altre console, con giochi meno costosi, più contenuti scaricabili, titoli più interattivi e meno rifiuti da smaltire.

24 settembre 2009
Lascia un commento