La musica di Natale fa male alla salute, lo rivela uno studio

Con largo anticipo i negozi puntano al Natale e iniziano a diffondere la musica tipica del periodo delle festività di fine anno. Le playlist natalizie non solo possono causare fastidio ad alcune persone, ma rappresenterebbero anche una fonte di stress.

A sostenerlo sono diversi esperti in tutto il mondo, che spiegano come la musica di Natale, al di là del fastidio che ad alcuni potrebbe dare, può spingere a fare più acquisti e allo stesso tempo ad aumentare lo stress.

=> Leggi perché i gatti aiutano a ridurre lo stress

La musica di Natale ricorda in particolare lo stress che proviamo alla fine dell’anno, sia a livello economico che emotivo. È un periodo che vuole essere gioioso, ma che allo stesso tempo può caricare di una forte pressione.

Secondo gli esperti la musica tipica del Natale non fa altro che ricordare alle persone gli obblighi di fine anno. Un sondaggio condotto nel 2006 dall’American Psychological Association ha rivelato che il 61% degli individui prova stress nel corso del periodo natalizio.

=> Scopri i benefici anti-stress della meditazione

Proprio lo stress può avere conseguenze molto fastidiose sulla salute, manifestandosi con mal di testa, dolore al torace e pressione del sangue alta. Questi sono dei veri e propri fattori di rischio per l’insorgenza o per il peggioramento di alcune patologie come l’asma, l’artrite, il diabete e l’ipertesione.

È evidente che la musica natalizia sia uno degli strumenti preferiti da chi gestisce un’attività commerciale per invogliare alle vendite. Lo ha provato anche la scienza, con una ricerca della Washington State University che ha messo in evidenza come diffondere la musica tipica del Natale associata ad un profumo di cannella sia un modo per spingere le persone a sentirsi maggiormente a proprio agio all’interno di un negozio, spendendo di più. Come ha spiegato il dottor Eric Spangenberg, del College of Business della Washington State University di Pullman:

La musica natalizia più lenta rallenta il tempo e gli acquirenti rimangono di più all’interno di un negozio, spendendo più denaro.

8 novembre 2018
Lascia un commento