Si chiude un’epoca di dolore e polemiche: dopo tanti anni la Forestale ha messo sotto sequestro il canile Parrelli di Roma. Una vittoria per gli animalisti, ma anche per i tanti romani, che nel tempo hanno creato una rete di segnalazioni e prove contro la struttura. La disposizione del Tribunale di Roma mette i lucchetti allo spazio situato sulla Prenestina, poco fuori la città di Roma e operante sul territorio da moltissimo tempo.

Non sono bastate le segnalazioni dei cittadini e delle associazioni, perché il Parrelli ha continuato a operare come lager per quasi venti anni, costringendo alla sofferenza moltissimi animali. Sequestrati i 500 esemplari presenti nella struttura – 350 cani e 150 gatti – mentre il Sindaco di Roma è stato nominato custode giudiziario in attesa che vengano destinati all’affido o all’adozione.

L’estate passata le ripetute segnalazioni di maltrattamento hanno portato all’ispezione del canile da parte del Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali (NIRDA), insieme al Comando provinciale di Roma. Gli animali erano detenuti in condizioni drammatiche, in spazi fatiscenti senza l’adeguato riparo e magari al freddo rigido dell’inverno senza nessun conforto. L’assenza di cibo e acqua pregiudicava da tempo le loro aspettative di vita, inoltre si sospettano irregolarità legate ai decessi degli stessi.

Come sottolineato anche dalla LAV, il Parrelli avrebbe obbligato a:

Una situazione di gravissima costrizione, lesiva del benessere psicofisico degli animali anche in considerazione del fatto che lo stesso gestore, volontariamente e in palese violazione dei vincoli espressi dalla normativa vigente, ribaditi dalla Commissione di vigilanza regionale richiesta e ottenuta dalla LAV e dallo stesso Comune di Roma, ha continuato ad accogliere indiscriminatamente e frequentemente una gran quantità di animali, consapevole delle inadeguate condizioni in cui tali animali saranno costretti a vivere.

10 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Roby, lunedì 14 aprile 2014 alle13:47 ha scritto: rispondi »

Sono per l'eutanasia...

Lascia un commento