La dieta di Casper, gatto obeso goloso di pollo e patate

Casper è un bel gattone goloso di pollo e patate e questa predilezione l’ha portato ad assumere sempre più peso. Il bel micione è arrivato a pesare più di 10 chilogrammi, il doppio del peso consigliato. Un problema grave per la salute di Casper, così grasso tanto da non riuscire a muovere il busto per lavarsi. Ma la situazione è ulteriormente degenerata quando il micio ha iniziato ad avere problemi di deambulazione e respiro.

I chili di troppo gli impedivano di saltare e rendevano la camminata per casa un’impresa epica. La proprietaria, Christine, preoccupata dalla situazione ha così deciso di mettere il gatto a dieta. Le troppe porzioni di cibo elargite da lei e i furti di biscotti e gli assalti alla ciotola del cane terrorizzato avevano aggravato la salute di Casper.

Dall’inizio del 2012 il gatto è entrato nel programma (PDSA) Pet Fit Club, gestito dall’Ambulatorio popolare per gli animali malati. Sotto controllo medico, e con una dieta apposita, Casper ha iniziato a perdere peso. Un processo lento ma costante, utile per non stressare il gatto ma solo per farlo dimagrire serenamente. Ridotti lentamente anche i quantitativi di cibo, annullati gli extra, ora Casper pesa molto meno ed è più felice.

Come garantito dalla stessa proprietaria, il gattone ha ripreso a correre e saltare, il pelo è più lucido e sano. Il centro PDSA non è nuovo a queste iniziative, infatti solo pochi mesi fa aveva indetto un concorso per premiare l’animale con i migliori risultati legati alla dieta e al dimagrimento. Mettendo in luce un problema molto diffuso: l’obesità negli animali domestici, spesso causata da proprietari troppo accondiscendenti in fatto di cibo.

Dimostrazione lampante è proprio la proprietaria di Casper, la quale avendolo trovato cucciolo, abbandonato e magrissimo ha cercato sin da subito di compensare le mancanze. In particolare con dosi eccessive di cibo per farlo diventare sano e grande, ma purtroppo conducendolo sulla via dell’obesità.

23 novembre 2012
Fonte:
Lascia un commento