Nelle città italiane appena il 2,7% del territorio è verde. I dati sono diffusi dall’Istituto Nazionale di Statistica fanno riferimento al 2011 e prendono in considerazione la quota riserva all’ambiente all’interno dei capoluoghi di provincia. I migliori centri italiani sono risultati, stando a quanto contenuto nell’indagine annuale ISTAT “Dati ambientali nelle città”, Matera e Lodi.

>>Leggi la classifica dei Comuni Rinnovabili 2013

Un territorio urbano risultato amico dell’ambiente per un totale di circa 550 milioni di metri quadrati, tra le quali sono incluse le aree verdi in senso stretto, quelle protette (inclusi parchi e ville pubbliche) e quelle a superficie agricola. Diviso per abitante la disponibilità di verde pubblico equivale a uno spazio di circa 30,3 metri quadrati.

Diverso il comportamento tenuto dalle varie amministrazioni comunali a seconda della regione geografica di appartenenza. Il Nord Est italiano presenta una disponibilità di spazi verdi più alta della media con una quota pro capite di circa 45,4 mq, mentre di poco inferiori le aree destinate all’ambiente per quanto riguarda Centro (23 mq/abitante) e Nord Ovest (24,3mq/abitante). Male il Sud e le Isole. Malgrado dispongano il primo di 37,1 e le seconde di 26,7mq/ab., i Comuni al di sotto dei 9 mq/ab. sono quasi la metà nel meridione mentre sono circa un terzo tra quelli isolani.

>>Scopri i migliori Comuni per cani e gatti secondo Legambiente

Ancora bassi, malgrado siano in costante crescita, gli spazi dedicati agli orti urbani, previsti nel 2011 da 44 Comuni. Scarso interesse mostrano gli enti locali comunali per quanto riguarda la pianificazione ambientale, con un vero e proprio “Piano Verde” approvato da meno di un quinto delle Giunte. A spiccare in questa speciale classifica sono Matera e Lodi, che centrano ottimi risultati in tutti i vari ambiti considerati dall’ISTAT: verde urbano, aree protette e superficie agricola utilizzata (SAU).

Questa la classifica relativa alla percentuale di verde pubblico disponibile pro capite restringendo il campo ai soli centri maggiori:

  1. Cagliari;
  2. Venezia;
  3. Padova;
  4. Bologna;
  5. Verona;
  6. Firenze;
  7. Torino;
  8. Trieste;
  9. Genova;
  10. Milano.

Classifica che subisce infine ulteriori modifiche prendendo in considerazione la quota di verde pubblico rispetto alla superficie comunale. Si noterà l’assenza di Venezia tra le prime 10, pur seconda nella precedente graduatoria:

  1. Torino;
  2. Milano;
  3. Firenze;
  4. Bologna;
  5. Padova;
  6. Cagliari;
  7. Napoli;
  8. Trieste;
  9. Genova;
  10. Verona.

5 aprile 2013
Lascia un commento