I koala abbraccerebbero gli alberi per abbassare la temperatura corporea e rinfrescarsi. È quello che hanno scoperto alcuni ricercatori della University of Melbourne School of Botany, attraverso uno studio complesso e incrociato tra le usanze di questi animaletti e alcune piante australiane. Secondo Natalie Briscoe, a capo dell’intero team di ricerca, ci sarebbe una precisa spiegazione:

Abbiamo scoperto che alcune piante possono risultare più fresche di ben 5 gradi rispetto all’aria nei periodi di caldo intenso.

L’osservazione di 30 esemplari di koala nei pressi di Melbourne durante il periodo più caldo ha evidenziato come leccandosi, nel tentativo di raffreddare la temperatura, gli animali finiscano per disidratarsi. Invece il contatto con alcuni alberi, come l’eucalipto senza corteccia, favorisce refrigerio e un discreto benessere. In questo modo il koala non deve ricorrere all’acqua, dimezzandone l’intero fabbisogno giornaliero.

Un confronto attraverso la termografia, cioè l’analisi a infrarossi del calore corporeo, ha evidenziato quali sono i tronchi degli alberi più freschi. Tra questi una grossa acacia, quindi non una pianta direttamente utile per l’alimentazione come l’eucalipto ma indispensabile per il refrigerio fisico. Questo spinge i ricercatori a pensare che molte altre specie possano fare affidamento su queste piante durante la stagione più calda, come scimmie, leopardi, uccelli e invertebrati.

Lo studio si è dimostrato importante proprio a fronte dell’innumerevole perdita di koala dopo il clima torrido del 2009, che ha decretato un 20% di morti tra gli esemplari in libertà. Per evitare che ciò accada di nuovo il team confida in un aumento delle piante salvavita, come eucalipto e acacia, che potrebbero rimpolpare la vegetazione australiana. Un rimboschimento mirato e preciso che possa aiutare questi piccoli marsupiali a trovare conforto anche in assenza di acqua, garantendo una via di salvezza anche per altre specie molte delle quali in via di estinzione. Nonostante non sia chiaro il meccanismo che spinga alcune piante a risultare più fresche rispetto ad altre, questo può diventare di fondamentale importanza per gli animali dell’Australia.

6 giugno 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento