KLM, il riciclo delle uniformi è da record

Prosegue il riciclo delle uniformi del personale di bordo e di terra di Air France KLM. Il direttore commerciale Olaf Hoftijzer ha infatti presentato nei dettagli il progetto di recupero delle 11 mila divise delle hostess KLM, cominciato nel 2010, con la collaborazione di aziende tessili e società olandesi specializzate nel riciclo di materiali provenienti da capi d’abbigliamento.

>> Leggi l’annuncio di KLM per il primo volo passeggeri a biocarburante

Fra queste, la Texperium e la Remo, che hanno preso in consegna le divise: dopo averle trattate, hanno utilizzato il materiale che le componevano per fare delle sciarpe e altri prodotti. Un accordo con Omar Mounie, eco-chic designer di Hilary Clinton e Jane Fonda, ha permesso invece di utilizzare le divise dismesse per creare borse da donna o etichette bagaglio che sono poi state reimmesse sul mercato secondo quanto affermato da Olaf Hoftijzer:

Abbiamo calcolato che il riutilizzo di 11mila uniformi, corrispondenti a 90 tonnellate di tessuto, permette il risparmio di 500 milioni di litri di acqua e 4.600 tonnellate di CO2 in meno.

Intanto anche Air France ha iniziato un progetto simile: fino al 15 marzo prossimo, infatti, raccoglierà le vecchie uniformi del personale (le previsioni indicano in 35mila le unità in arrivo presso i centri di raccolta) che saranno trattate e trasformate in materiale isolante da impiegare nell’industria automobilistica. In questo caso, l’iniziativa della compagnia francese è stato condotto in collaborazione con Sita Suez.

=> Leggi le novità sull’uso di biocarburante a bordo degli aerei a lungo raggio di KLM

La filosofia ambientale dei vertici di Air France KLM non si limita però al riciclo della stoffa: dal 2009, infatti, sono iniziate le sperimentazioni di biocarburanti sui voli di linea diventati una realtà nel 2011, quando sulla rotta tra Amsterdam e Parigi sono iniziati collegamenti regolari operati da velivoli KLM alimentati a biofuel composti da carburante normale miscelato con oli da cucina esausti.

Nel giugno 2012, è stata la volta del lungo raggio, con un Boeing 777 che ha volato tra la capitale olandese e Rio de Janeiro, il più lungo volo mai effettuato con biofuel. L’azienda, inoltre, continua a lavorare nella direzione di risparmiare peso sugli aerei e di conseguenza carburante, oltre a rendere più efficienti i motori dei jet attraverso speciali sistemi di lavaggio effettuati negli hangar dello scalo di Schipol.

11 febbraio 2013
Lascia un commento