Justin Bieber, auto elettrica per i 18 anni

Justin Bieber, il cantante più amato e odiato del momento, compie 18 anni. E per festeggiare la giovanissima età ha deciso di abbracciare uno stile di vita ecologista, facendo propria un’auto di lusso completamente elettrica e a emissioni zero.

Di certo Justin Bieber non passerà alla storia per essere diventato la quintessenza della promozione ambientalista, ma di certo è gradito il suo sforzo nell’abbandono delle auto a benzina, data la sua capacità di influenzare masse oceaniche di giovani. In realtà, a dover ricevere il merito di tutto è uno dei suoi manager, Scott Braun, il quale ha voluto presentare il nuovo “green-Bieber” nientemeno che davanti alle telecamere di Ellen DeGeneres, una delle più popolari presentatrici a stelle e strisce.

Bieber, nato il 1 marzo del 1994 e passato agli onori della cronaca per i milioni di visualizzazioni su YouTube prima e per la relazione con la coetanea Selena Gomez poi, ha infatti ricevuto in dono una Fisker Karma, un’auto elettrica sportiva da circa 100.000 dollari alimentata unicamente da batterie al litio da 108 Khw. E l’ha ricevuta in anteprima rispetto alle persone comuni, come spesso accade per i fortunatissimi VIP, considerando come l’automobile sia stata presentata solamente lo scorso dicembre e in via d’arrivo presso i concessionari statunitensi.

Note di colore a parte, si tratta della primissima super-lusso elettrica pensata per un’utenza abbiente che, pur non rinunciando a nessun comfort, può rendersi eco-compatibile. La vettura, dotata anche di un piccolo serbatoio a benzina in caso di emergenze, con una sola carica è in grado di percorrere circa 80 chilometri a una velocità media di 100 chilometri orari. Con un pieno classico, supera abbondantemente i 300. Ed è proprio qui che cade lo spirito amico dell’ambiente del cantante del tormentone “Baby”: intervistato, Bieber ha ammesso di non voler rinunciare all’ebrezza di fare il pieno al distributore. Sarà anche l’idolo delle teenager, il soggetto preferito dai comici e l’invidia di molti ragazzini nati negli anni ’90, ma in tema di combustibili fossili Justin è da rimandare a settembre.

3 marzo 2012
Lascia un commento