Cani di Johnny Depp in Australia, la polemica continua. A parlare questa volta è Amber Heard, attrice nonché moglie del divo hollywoodiano, in occasione di un’intervista televisiva per la promozione del film “Magic Mike XXL”: la coppia cercherà di evitare il continente il più possibile, a seguito del trattamento ricevuto.

La vicenda è ormai ben nota: mentre si trovava in Australia sul set del nuovo capitolo de “I Pirati dei Caraibi”, Johnny Depp è stato accusato dal Ministro dell’Agricoltura locale di aver introdotto nella nazione i suoi due cani illegalmente. Per l’ingresso in Australia, infatti, gli animali domestici devono sottoporsi a un periodo di quarantena per evitare possano infettare le specie autoctone, richiesta a quanto pare evitata dall’attore, giunto nel continente con compagna e Yorkshire tramite un volo privato. È stato così imposto un ultimatum: la scelta tra il rapido rientro negli Stati Uniti oppure la soppressione. Così il divo del cinema si è visto costretto, ovviamente a sue spese, a rimandare in California gli adorati cagnolini pur di evitarne la soppressione.

La misura ha accesso fitte polemiche non solo fra i fan di Depp e consorte, ma anche nell’opinione pubblica australiana nonché dai rappresentanti dell’opposizione di governo. Il fatto che i due cani abbiano evitato il periodo di quarantena, infatti, secondo alcuni dimostrerebbe controlli e misure di sicurezza forse non sufficienti affinché ogni turista rispetti le normative vigenti in Australia. Nel frattempo, è proprio Amber Heard a risponde nel merido della questione. Nel corso della sopracitata intervista, infatti, la giovane ha spiegato come difficilmente la coppia farà il suo ritorno nella nazione:

Ho la sensazione che da ora eviteremo la nazione, grazie a certi politici locali. Penso che tutti cerchino i loro 15 minuti, inclusi alcuni rappresentanti di governo.

Al momento, non è giunto un commento ufficiale dal Ministero dell’Agricoltura australiano.

23 giugno 2015
Fonte:
Via:
Lascia un commento