Johammer J1: la moto elettrica con autonomia di 200 km

Lo stile originale che non passa inosservato nasconde soluzioni tecniche innovative e un’autonomia di primo piano per il settore delle moto elettriche. Il riferimento è relativo alla Johammer J1, due ruote prodotta dall’omonima azienda austriaca, che dietro l’apparenza di un prototipo da salone nasconde una tecnologia pronta a riversarsi sulle strade, seppur in un numero di esemplari decisamente limitato.

La moto elettrica di Johammer è realizzata in due versioni chiamate J1.150 e J1.200, le quali si differenziano tra loro per l’autonomia massima. Il numero del nome indica infatti i chilometri percorribili sfruttando una carica completa, con la versione dotata della batteria da 12,7 kWh (l’altra può contare su un’unità da 8,3 kWh) in grado di consentire una percorrenza di 200 km.

La carrozzeria della Johammer J1 è realizzata in alluminio e ospita la batteria al litio (accreditata di una durata pari a 100.000 km), mentre il motore elettrico sincrono a magneti permanenti eroga una potenza da 15 cavalli ed è sistemato nella ruota posteriore.

La lunghezza è di 2,2 metri, con un passo di 1,45 metri e un peso che, per la versione con autonomia di 150 km, arriva a 159 kg, mentre per la J1.200 si sale a 178 kg. Gli specchietti retrovisori sono integrati da due schermi TFT e al posto della forcella telescopica è stato scelto un sistema di sterzo implementato nel mozzo della ruota.

Il tempo necessario per ricaricare la batteria all’80% della sua capacità è compreso tra 2,5 e 3,5 ore a seconda della versione scelta, per prestazioni che vedono una velocità massima limitata elettronicamente in 120 km/h. Di serie c’è un caricatore da 3 kW, ma il cliente può richiedere anche un caricatore veloce da 8 kW.

La Johammer J1 sarà costruita in 50 esemplari presso lo stabilimento austriaco di Bad Leondelden, consentendo la scelta tra le colorazioni argento, giallo, blu, verde e bianco. I prezzi partono da 23.000 euro per la J1.150 e arrivano a 25.000 euro per la J1.200.

24 aprile 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento