La giovane cagnolina Jessica, di soli tre anni, ha vissuto più vite all’interno di un unico e singolo percorso. Abbandonata presso la struttura New York Animal Care and Control facility a Manhattan nel 2013, quando non aveva neppure un anno di età, la piccola era gravida e pronta a partorire. Non solo, mostrava una forma di demodicosi che aveva reso il suo pelo fragile, rado e con la pelle rosa in evidenza. Una grave infiammazione molto forte, a cui aveva fatto seguito una tosse piuttosto intensa sviluppata tra le mura del box. Il suo sembrava un destino segnato, Jessica era stata inserita in lista soppressione. Ma di lei si era interessata la Second Chance Rescue, che l’aveva strappata alla morte accogliendola presso il suo rifugio.

Per la cagnolina di razza PitBull la vita aveva ripreso a correre, quindi era stata assegnata a una volontaria che ne aveva seguito il percorso di guarigione. Nonostante le vicende negative affrontate Jessica è un cane socievole, amorevole, sempre pronto per una carezza e dell’affetto. Nove mesi trascorsi accanto alla volontaria che si è occupata della sua educazione e della sterilizzazione, permettendo così al cane di trovare una nuova casa. Ma dopo soli 5 mesi di vita casalinga la piccola è stata rispedita al mittente, ma non per colpa sua. Ora sta seguendo alcuni corsi con un educatore, così da apprendere comandi, regole e il modo migliore per interagire con i suoi simili.

Per Jessica l’associazione e la volontaria confidano ancora in una nuova adozione, una seconda possibilità dove possa ricevere l’amore sempre ricercato. È un essere energico e amorevole che potrebbe vivere serenamente come unico cane di casa, accanto ad adulti e ragazzini sopra i 12 anni. Ama correre, giocare, per questo un gruppo di adulti sarebbe per lei l’ideale. La volontaria che la segue ha aperto per Jessica una pagina Facebook, dove mostra i progressi e la sua voglia di una casa dove vivere serenamente.

5 aprile 2016
Fonte:
Lascia un commento