Nei giorni scorsi il sito Top500.org ha ufficialmente eletto Jaguar XT5 come il computer più potente al mondo, con una potenza di calcolo di 1,759 petaflops, resa possibile dall’integrazione di 37.360 processori AMD Opteron.

Tralasciando le considerazioni prettamente tecniche, ciò che fa piacere segnalare è l’ambito in cui la piattaforma viene impiegata: Jaguar XT5 sarà a disposizione dei ricercatori del Oak Ridge National Laboratory, impegnati in studi e analisi riguardanti le problematiche ambientali.

Non si tratta di un sistema ex novo, bensì ottenuto grazie ad un upgrade hardware costato ben 20 milioni di dollari (circa 13 milioni di euro) e che ora garantirà le prestazioni necessarie all’esecuzione di simulazioni e alla creazione di modelli finalizzati alla previsione dei cambiamenti climatici, ma non solo.

Jaguar XT5 tornerà utile anche in campo medico nello studio degli enzimi e, in quello tecnologico, con algoritmi dedicati alla ricerca di nuovi processi di produzione energetica che arrechino meno impatto all’ambiente. Altri processi che saranno sottoposti al super computer di ORNL riguardano la sicurezza degli impianti nucleari e l’analisi dello spazio, alla ricerca dell’origine dell’universo.

Maggiori informazioni in un approfondito articolo apparso su USNews.com.

19 novembre 2009
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento