Il piccolo cagnolino Mylo è stato sottratto alla custodia del suo proprietario, dopo un atto di violenza commesso in pubblico, davanti agli occhi di tutti. Il Jack Russell Terrier di due anni, dopo essere stato trascinato con forza sul ciglio della strada, è stato sollevato da terra e scagliato con violenza contro il marciapiede. Un’azione di crudeltà inaudita commessa in pieno giorno dal venticinquenne Demmi Grice a Rochdale, Greater Manchester.

Ad assistere allo spettacolo selvaggio un pubblico di ignari passanti che, terrorizzati, credevano il cane morto. L’impatto con il suolo è stato così forte che il piccolo non ha avuto la forza di rialzarsi. Grida e urla di rabbia hanno anticipato l’atto, compiuto da un proprietario descritto come nervoso e iracondo. L’uomo è stato subito rincorso da Daniel Harris di 24 anni, che in quel momento era seduto in macchina. Un gesto così incredibile da gelare il sangue.

Recuperato Mylo e affidato alle cure del veterinario, il cane è ora tra le mani dell’ispettore del RSPCA, Kat Hamblin, che conferma come appaia timoroso e si rannicchi in presenza di movimenti bruschi. Demmi Grice, finito in tribunale, ha dichiarato che il Jack Russell gli era stato affidato dalla madre e che non era sua consuetudine picchiarlo. In quel momento lo stava innervosendo perché rallentava la sua necessità di fare una colazione. I passanti, a suo dire, avrebbero mentito e il cane sarebbe ben tenuto e sempre nutrito.

Ma grazie alla testimonianza di molte persone, e all’inequivocabile comportamento terrorizzato di Mylo, l’uomo è stato condannato. Non potrà possedere cani per circa 5 anni, dovrà pagare multe e costi pari a 1.049 sterline e, se non presenterà un ricorso, il cane verrà inserito in un programma di adozione. Per lui prima ci sarà un periodo rieducativo anche se, nonostante le violenze, conferma il suo amore per la razza umana.

5 dicembre 2013
Fonte:
I vostri commenti
ArgonX3, venerdì 13 dicembre 2013 alle17:28 ha scritto: rispondi »

Se pesto a morte un uomo, non mi danno 1.049 sterline di multa...

Lascia un commento