Ireland Baldwin nuda per Peta contro le pellicce animali

Ha voluto seguire le orme della madre, posando in uno scatto analogo in favore della tutela degli animali. Ireland Baldwin, figlia di Kim Basinger e Alec Baldwin, si è infatti fatta fotografare senza veli in occasione di una rinnovata campagna PETA, pensata per sensibilizzare il pubblico contro l’uso di pellicce animali.

Alla campagna PETA hanno partecipato, nel corso degli anni, moltissime celebrità internazionali, tutte pronte a posare nude per scongiurare il ricorso a pellicce animali nell’universo nella moda e dell’abbigliamento. Con l’ormai ben noto slogan “preferirei essere nuda che indossare pellicce”, nel 1994 l’iniziativa del gruppo animalista ha visto protagonista Kim Basinger. Ora, a 24 anni di distanza, è il turno della figlia.

=> Scopri Tom Hardy con Peta per difendere gli animali


Modella molto richiesta e da sempre attivista vegana – tanto da prevedere nel suo contratto una clausola per evitare di indossare in passerella abiti e accessori di derivazione animale – Ireland ha accolto con entusiasmo la possibilità di collaborare con PETA. Sin dalla prima infanzia, infatti, è sempre stata molto affascinata dall’impegno della madre nella tutela degli animali e, ora, ne vuole seguire le orme.

Ho sempre sognato di posare per questo servizio. Se non conoscete cosa accade nella produzione delle pellicce, vi chiedo di informarvi. Se non vorreste mai indossare la pelliccia del vostro cane, allora non bisogna indossare quella di nessun esemplare, perché tutti gli animali sono creati. Salviamo i nostri animali, salviamo il nostro Pianeta, unitevi a me e a Peta per delle scelte più consapevoli.

=> Scopri Joaquin Phoenix con PETA per proteggere i cani


Nel corso dell’ultimo decennio, sempre più stilisti e case di moda hanno deciso di abbandonare la pelliccia e altri prodotti animali per la produzione di abiti, preferendo invece materiali ecosostenibili e cruelty free. Le pellicce sintetiche, ad esempio, sono un’ottima e morbida alternativa per chi, pur non rinunciando al look tipico di questi capi, non vuole acquistare derivati di origine animale.

2 marzo 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento