È passato un anno da quando l’elefante Raju ha riguadagnato la meritata libertà, il giovane 50enne era balzato agli onori della cronaca perché costretto alla schiavitù e alla sofferenza. Il povero pachiderma aveva vissuto sempre a catena con pezzi di ferro conficcati nelle zampe, pratica terribile e crudele che lo aveva spinto più volte alle lacrime. Questa condizione, purtroppo non così anomala in alcune parti del globo, aveva colpito la sensibilità dell’opinione pubblica che si era mossa in suo aiuto. Recuperato dalla Wildlife Sos, era stato al centro di una battaglia legale contro i suoi aguzzini, ma ora l’elefante può finalmente festeggiare i suoi 365 giorni di vera serenità.

Il video della sua liberazione aveva commosso l’opinione pubblica, il povero pachiderma presentava un numero di ferite e lacerazioni lunghe 50 anni di schiavitù. Oltre a evidenti infezioni e una condizione emotiva stravolta dalla brutalità data dagli abusi. Raju ha trascorso la prima parte del suo anno di libertà a ricostruire la fiducia nei confronti dell’uomo, imparando a fidarsi di chi si occupa del suo benessere. Per dimenticare il dolore patito e celebrare l’anno di tranquillità, lo staff gli ha donato una grossa fetta di torta, che l’elefante si è gustato immerso in una vasca d’acqua. La piscina dove ama passare la maggior parte del tempo godendo del relax e della tranquillità recuperata.

Il dolce alla frutta e ai cereali, completamente vegetariano, è stato molto gradito dall’esemplare asiatico. Il tenero Raju può gettarsi alle spalle una vita di stenti e sofferenza, sfruttato da ben 27 proprietari diversi che lo trascinavano con violenza per le strade dell’India. Il pachiderma, conteso fino all’ultimo dai suoi ex proprietari, ha patito l’indicibile fino alla sofferta liberazione. Si dice che per un elefante sia complicato dimenticare, Raju sicuramente dopo 50 anni di dolore faticherà a liberarsi dagli spettri del passato. Ma la nuova serenità potrà aiutarlo in questo compito, amato e curato come giustamente si merita.

3 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento