Fiona è una piccola di ippopotamo nata prematuramente, come spesso può accadere in natura. Giunta allo zoo di Cincinnati con sei settimane di anticipo, l’animale ha trovato il supporto e l’aiuto di tutto lo staff. La piccola è apparsa sottopeso: solo ventinove chilogrammi a fronte dei cinquanta soliti di un cucciolo alla nascita. Per questo lo zoo si è mosso per prelevare del latte di scorta dalla madre Bibi, per poterlo conservare in bottiglie apposite. Inoltre, la struttura ha cercato di conservare i valori della piccola, inserendola in un ambiente umido e caldo. Elementi indispensabili per il benessere di un ippopotamo e per il corretto funzionamento delle sue attività vitali.

Lo staff ha dotato Fiona di un respiratore per migliorare la capacità dei suoi polmoni e implementare le sue funzionalità, offrendole così la possibilità di gestire autonomamente l’operazione in futuro. E nonostante un’alimentazione tramite biberon, accolto con poco entusiasmo, la piccola ha preso peso e recuperato forza. Una serie di progressi costanti che le hanno anche permesso di muovere i primi passi nel mondo, una sorta di indipendenza necessaria prima del ricongiungimento materno. Ma Fiona non si limita a sgambare, sta anche imparando a nuotare, attività indispensabile per gli ippopotami, oltre alla corretta respirazione da mettere in pratica per affrontare l’ambiente liquido.

=> Scopri l’ippopotamo fuggitivo



Il video mostra la piccola alle prese con l’acqua presente in una tinozza, sotto lo sguardo vigile dello staff. Si immerge e nuota con interesse e curiosità, imparando a familiarizzare con un luogo che presto sarà sinonimo di casa. Fiona reagisce positivamente all’allenamento, trovando maggiore coordinazione giorno dopo giorno. Per incentivarla spesso viene allattata in acqua con il supporto di un biberon, cosa che gradisce particolarmente e che le ha permesso di acquistare altro peso. Nonostante ora sia alle prese con la crescita dei denti, che le crea qualche fastidio, Fiona sta affrontando ogni nuovo step con forza ed energia.

15 febbraio 2017
Immagini:
Lascia un commento